Il club del tradimento

23 ottobre 2019 16:18

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono un quarantenne attraente che guadagna più della media, nonché il più classico dei traditori seriali. Ho tradito la mia ex moglie e tutte le fidanzate che ho avuto. Ora sto frequentando una ragazza di poco più di vent’anni. Siamo entrambi il tipo ideale dell’altro. I suoi trascorsi sono scandalosi quanto i miei, ma diciamo che ha “realizzato” di più in meno tempo. L’ho conosciuta su un’app per incontri. Poi su un’altra. E un’altra. Ci siamo goduti la reciproca compagnia da subito, e il sesso era stupendo (condividiamo alcune fantasie per le quali non è facile trovare complici). Abbiamo approfondito in diverse occasioni il passato di entrambi. Adesso il pensiero di come ci siamo conosciuti e del perché abbiamo scopato con tanta gente a caso ci fa rabbrividire. Veniamo al problema: dopo esattamente un anno insieme, costellato da innumerevoli rotture, non sappiamo come proseguire. Non riusciamo a fidarci. Siamo innamorati e va tutto benissimo… finché siamo insieme. Lontano dagli occhi, diventiamo due stronzi possessivi. Ho perso il conto dei telefoni rubati e buttati via. Come fanno due troie a trovare un po’ di pace?

– Can’t Part Over Sex

Hai tradito tutte le donne con cui sei stato, la tua ragazza ha presumibilmente fatto lo stesso (con “trascorsi scandalosi quanto i miei” intendevi quello, giusto?). Ma invece di accettare la troia traditrice che entrambi sapete di essere, CPOS, e di ringraziare la vostra porca buona stella, vi siete sentiti in dovere di rinnegare i comportamenti passati – che in alcuni casi si direbbero effettivamente pessimi – e di giudicare negativamente la vostra sessualità e quella del partner. Per cosa, poi? Solo per ritrovarvi a essere le stesse persone che eravate prima di cominciare a rabbrividire teatralmente per le modalità del vostro incontro.

Lei non crede che tu non la tradirai, e non vedo perché dovrebbe. Tu non credi che lei non ti tradirà, e non vedo perché dovresti. Ma allora perché promettersi di non tradire? Perché sprecare tempo ed energie emotive nel sorvegliare l’altro, cercando prove a conferma di ciò che già si sa, ovvero che vi tradirete? Su questo sì che potete contare. Ma allora, anziché fare promesse impossibili da mantenere, per poi sbroccare e rubarvi il telefono e lasciarvi e riprendervi, CPOS, fatene una che potete mantenere. Quella di essere non fedeli ma rispettosi. E discreti. Promettile di non fare nulla che possa farla sentire messa in secondo piano, anche se ogni tanto scoperai in giro, e chiedile di prometterti lo stesso. Così facendo, potrete continuare la vostra vita da troie in modo onesto, e non da traditori bugiardi.

(Illustrazione di Francesca Ghermandi)

Sono innamorato di una donna felicemente sposata. Sono stato “l’altro”poco meno di vent’anni fa, quando ancora non era sposata ma già conviveva con il suo attuale marito. Pur essendo innamorati come pazzi, non ci siamo mai messi insieme. In seguito, entrambi ci siamo sposati entrambi e avuto dei figli. Nel corso degli anni abbiamo ripreso i contatti un paio di volte, e di nuovo intrapreso una relazione sessuale. Ecco la difficoltà: la donna con cui ero sposato allora era un’immigrata senza permesso di soggiorno. Pur essendo un matrimonio infelice, per il bene di mia figlia non potevo lasciarla e rischiare che venisse espulsa. Quest’anno la mia ex moglie ha ottenuto il permesso di soggiorno permanente e abbiamo divorziato. Dopodiché ho ricominciato a vedere la mia ex. Ora vorremmo disperatamente sposarci, ma lei ha paura di mettere fine al suo matrimonio. Con il marito è relativamente felice, e il divorzio sarebbe un cataclisma. Teme lo shock e l’effetto destabilizzante che potrebbe avere sui suoi figli, ancora piccoli. E ha paura che nulla, se non ammettere che ama un altro, possa mettere fine a un matrimonio per il resto felice. Ammettere la sua protratta infedeltà, però, renderebbe assai difficile gestire l’affidamento dei figli in futuro. Questo dilemma ci tormenta, ma il pensiero di non stare insieme è insopportabile. Ci rendiamo conto che un po’ di dolore non si può evitare, ma non sappiamo quale sia il modo migliore di procedere.

– Pensive And Incredibly Nervous

Se per sposarvi non ce la fate ad aspettare che i figli di lei siano un po’ più grandi, PAIN, allora non c’è modo di evitare la peggior versione possibile di questo immane casino. Ma il marito della tua fidanzata merita di conoscere tutta la verità da subito, anche se nel breve periodo questo rischia di complicare gli accordi di affidamento. Lasciare che il suo futuro ex marito si arrovelli invano sul perché un matrimonio funzionante, affettuoso e all’apparenza stabile sia crollato di colpo sarebbe solo crudele, e per di più inutilmente, visto che la verità prima o poi verrebbe a galla. Mica intendete sposarvi in segreto, o sbaglio? Il che significa che a un certo punto, in un futuro molto prossimo, il suo futuro ex marito e i bambini verranno a sapere di te, nuovo marito e patrigno. Tutta la verità in un colpo solo. Non trascinatela in lungo. Infliggere dolore a rate non placherà i vostri sensi di colpa.

pubblicità

Sono sposato con un bell’uomo che mi ama. All’inizio del rapporto, e per diversi anni, abbiamo avuto una vita sessuale fantastica. A un certo punto, dopo che siamo andati a convivere, il mio desiderio di fare sesso con lui è parecchio diminuito, come in tutte le mie relazioni precedenti. Nella convivenza dev’esserci qualcosa che mi toglie l’attrazione per il partner, il che è un enorme problema quando la relazione è monogama. Il secondo problema è che le mie fantasie non vengono soddisfatte. Mio marito sa di queste fantasie, e teoricamente sarebbe disposto ad accoglierle, ma gli mancano i requisiti per darmi ciò che desidero. Prima di conoscere lui, per molti anni ho frequentato la vivace scena di una grande città. Le amicizie e le esperienze che vivevo quando potevo condividere le mie fantasie ora mi mancano. Ma oltre a vivere in un posto che non offre eventi o laboratori di questo tipo, ho un marito monogamo senza compromessi. Non è disposto a scoparmi insieme a un altro partner Dominante, né a lasciare che lo faccia da solo con altri, che si tratti di rapporti sessuali o meno. Sono alcuni anni che la frustrazione mi spinge a cercare esperienze occasionali con altri, facendomi puntualmente scoprire. Quando immagino di fare sesso violento con altre persone la mia libido sembra intatta, ma il desiderio che provo per mio marito è molto diminuito. Non so cosa fare. Io lui lo adoro, e non ho mai pensato che valesse la pena di lasciarlo per soddisfare le mie fantasie, ma adesso ci troviamo in un’impasse. Secondo te è possibile trovare un compromesso?

– Sex Alacrity Diminished

Sapendo ciò che sai di te stesso – che la tua attrazione nei confronti del partner precipita in caso di convivenza, e che hai un profondo bisogno di esplorare le tue fantasie con partner occasionali - non dovresti convivere e/o impegnarti nella monogamia . Ma tu convivi e ti sei impegnato, SAD, per cui ora che si fa? Non esiste una via dimezzo tra un matrimonio rigidamente monogamo e la libertà di cui hai bisogno per esplorare le tue fantasie e sentirti appagato, che sia in coppia o meno. Ma tuo marito ti ha già beccato a scopare in giro – o realizzare le tue fantasie - e deve averti perdonato, visto che non mi scrivi nel mezzo di un divorzio. Di fronte alla scelta tralasciarti libero e perderti, SAD, forse lui ti lascerebbe libero. E poi chissà: se tutte le tue relazioni lunghe sono state monogame, e tutte hanno comportato la fine del sesso violento e avventuroso con nuovi partner, forse a farti precipitare il desiderio verso il compagno stabile è proprio quello: il fatto di sentirti limitato, e non la convivenza. E chissà: se fossi libero di scopare con altri – se tuo marito non rappresentasse per te la fine delle avventure eccitanti – forse con lui avresti ancora voglia di scopare. Se però lui ti dà il permesso di scopare in giro e a te non torna la voglia di scopare con lui, SAD, fagli la cortesia di lasciarlo. Dopodiché basta monogamia e basta convivenze, chiaro?

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Ascensore
Le regole
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.