29 dicembre 2021 16:17

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Da dieci anni ho una relazione fedele. Fedele perché il mio ragazzo vuole che sia così. A me andrebbe bene anche una relazione aperta e gliene ho parlato. Ma lui mi ha fatto capire che pensa che sarebbe “sbagliato”. Non vado quasi mai nel suo appartamento. Non m’invita e comunque casa mia è molto più comoda. La sua non sembra mai “vissuta”. Tutto dev’essere in ordine e “come si deve”. Letto rifatto, bagno immacolato, niente calzini sul pavimento. In generale passiamo insieme i fine settimana, e niente più. Si rifiuta anche di farsi penetrare da me o addirittura che gli metta un dito dentro, ma gli piace quando gli vengo sul sedere. In generale, è qualche anno che non sembro eccitarlo particolarmente. A ogni modo, per una serie di fattori contingenti (covid, ristrutturazione della casa e così via), ho lavorato da casa sua per qualche giorno. Nell’armadio delle provviste ho trovato una grossa bottiglia di lubrificante Wet lube e una confezione-risparmio di clisteri Fleet. Cosa dovrei pensarne?

–Frustrated In Brooklyn

Prima di tutto, una piccola obiezione. Usi il termine “fedele” per dire “sessualmente esclusivo”, FIB, ma dovresti sapere – in quanto lettore della mia rubrica – che non tutti i rapporti fedeli sono sessualmente esclusivi, e viceversa. Due persone possono essere sposate o compagne di vita ed essere impegnate l’una con l’altra nel lungo periodo pur scopando con altre persone; e due persone possono decidere di smettere di scopare con altre persone perché non vogliono usare preservativi (o perché vogliono limitare il loro rischio di contrarre il covid) senza impegnarsi l’una con l’altra per il resto dell’anno, e tantomeno per un periodo più lungo.

Quanto a quel che hai trovato mentre stavi ficcando il naso nell’appartamento del tuo ragazzo…

Anche se non sempre a tradire sono quelli pensano che le relazioni aperte siano “sbagliate”, FIB, è così frequente che le cose stiano così che ormai è un po’ un luogo comune. È quindi del tutto possibile che il tuo ragazzo si sia ripulito per qualcun altro. Ma perché? Perché mai il tuo ragazzo ti tradirebbe, quando sa che non avresti alcun problema con una relazione aperta? Alcune persone che tradiscono pensano che farlo sia sbagliato (e lo è), e il minimo che possano fare se tradiranno (e lo faranno) è avere la decenza di dispiacersene (o fingere di farlo). Altri sono degli stronzi egoisti che vogliono scopare in giro, incuranti dei loro partner, ma non vogliono che questi ultimi facciano lo stesso.

Naturalmente non sappiamo con certezza se il tuo ragazzo ti ha tradito. Il lubrificante di per sé non è una prova – gli uomini lo usano anche per masturbarsi – e può darsi che quella scatola di clisteri Fleet fosse rimasta nel suo cassetto da dieci anni o più. C’è un solo modo per gettare luce su questo mistero: chiedi al tuo ragazzo cosa sta succedendo. Magari ha una buona spiegazione – oppure riuscirà a tirarne fuori una vagamente plausibile dal suo culo immacolato – e toccherà a te cercare di capire se sta dicendo la verità o meno. Ma se vuoi rimanere con lui, FIB, puoi ricominciare proprio da quello che hai fatto. Puoi considerare quello che hai trovato mentre cercavi delle provviste – non stavi ficcando il naso, naturalmente, figuriamoci – come un tradimento imperdonabile, FIB, oppure come un’opportunità di rinegoziare i termini della vostra relazione.

Francesca Ghermandi

Mi sono da poco sposata con un uomo con cui sto da sei anni. Abbiamo una vita felice insieme, sotto molti punti di vista, e una relazione molto stabile e amorevole. Il problema è che sei mesi fa mi sono innamorata follemente di un collega (lavoriamo nello stesso campo, in due diverse aziende). Non mi sono mai sentita così con nessuno in vita mia. Non ho neanche mai tradito prima. Ma questa è davvero la relazione più creativa e sincronica che abbia mai vissuto. Il secondo problema è che anche il collega è sposato, e ha tre figli. Il suo matrimonio è stabile ma senza sesso. Dice di voler lasciare sua moglie ma non prima che il suo figlio più giovane vada all’università, il che non accadrà per altri due anni. Nel frattempo mi trascino tra il senso di colpa e l’indecisione su come procedere. So che sono io a dover prendere una decisione, ma mi sento paralizzata. Come posso cominciare a sciogliere questo nodo?

–Married And Reassessing Relationships In Every Detail

Che fretta c’è? Ti sei presa una cotta per un uomo sposato che non è disposto a lasciare sua moglie per almeno altri due anni. Poiché non hai modo di sapere come ti sentirai tra due anni, MARRIED, né come si sentirà il tuo collega sposato allora, non devi fare alcuna mossa importante (per la miseria, non hai davvero alcun modo di sapere come si sente in questo momento il tuo collega sposato). Se sei sicura di non voler rimanere sposata con tuo marito – indipendentemente da qualunque cosa possa succedere – dovresti porre fine al tuo matrimonio, così lui potrà andare avanti con la sua via. Ma se puoi immaginare un futuro nel quale i tuoi sentimenti per il tuo collega si saranno esauriti, e nel quale puoi immaginare che t’impegnerai nuovamente a stare con l’uomo con cui sei attualmente sposata, l’unica cosa che devi fare adesso è aspettare.

***

Mia moglie e io stiamo insieme da otto anni, e siamo sposati da quattro. Prima che cominciassimo a uscire insieme le ho detto onestamente che non potevo offrirle una monogamia sessuale a lungo termine. Lei mi ha detto che capiva e che avrebbe voluto partecipare alla cosa con me. Siamo rimasti monogami per qualche anno prima di provare a introdurre avventure non monogame nella nostra vita. Anche se siamo andati a feste di scambisti e abbiamo utilizzato i siti più noti, sembrava che nessuna combinazione andasse mai bene per lei, né uomo-uomo- donna né uomo-donna-uomo-donna. Abbiamo deciso di sposarci nonostante non avessimo avuto alcun incontro con nessun’altra persona al di fuori della nostra relazione. Abbiamo sempre avuto una vita sessuale molto soddisfacente e attiva, ma adesso lei esprime perplessità all’idea dello scambio di coppia. Mi ha detto che se dovesse valutare il suo interesse per la cosa in una scala da uno a dieci, il risultato sarebbe tra zero e uno. Mi ha detto che è disposta a farlo per me, e che questo mi dovrebbe bastare. Non fa alcuno sforzo per trovare dei partner potenziali o delle opportunità di scambio. Inoltre è contraria all’idea che io lo faccia da solo. Dan, io volevo un partner che facesse tutto questo con me e con entusiasmo. Non voglio trascinare nessuno in attività sessuali che non gli interessano davvero. Ho provato a fare le cose perbene dall’inizio, ma adesso ogni direzione appare pericolosa. Esiste una via d’uscita?

–Happily Married, Unhappily Monogamous

Se avessi una macchina del tempo, HMUM, m’imbucherei al tuo addio al celibato per dirti di rinviare il tuo matrimonio fino a quando non avrai avuto alcune soddisfacenti esperienze di sesso a tre o a quattro con la tua allora fidanzata, oggi tua moglie. Perché se lo scambio di coppia era davvero così importante per te, dovevi sincerarti che tua moglie fosse favorevole alla cosa prima del matrimonio, non anni dopo. Forse a tua moglie piaceva l’idea all’epoca e non più adesso (le promesse sembrano avere questo effetto per alcune persone), o forse ti stava solo dicendo quello che volevi sentirti dire. Qualunque sia la verità, non sarà mai davvero la “complice” che desideravi. Il che significa che, anche se è disposta a seguirti in quest’avventura, non farà alcuno sforzo perché la cosa diventi realtà. Tocca a te agire. Ma se è disposta a provarci, perché non organizzare qualcosa? Se è d’accordo, la cosa potrebbe finire per piacerle più di quanto immagina (a volte succede). Se non è d’accordo, allora ti troverai di fronte a una scelta: rinuncia alle fantasie, rinuncia alla monogamia, o rinuncia a lei.

***

Ho appena letto la tua risposta all’uomo gay che voleva comprare un regalo significativo per un suo amico maschio eterosessuale. Mi sono sorpreso a leggere nella tua risposta una frase come: “E quindi, a parte la fica, cosa piace al tuo amico?”. Agli eterosessuali non piace “la fica”. Agli eterosessuali piacciono le donne. E non tutte le donne hanno la fica. Non è da te, Dan.

–Promote Understanding To All

Rimprovererò il prossimo tizio eterosessuale che mi dirà che gli piace la fica, PUTA, e schiaffeggerò il prossimo gay che mi dirà che gli piace il cazzo. Proprio come ha invitato a fare Dan Carnegie ai suoi lettori, nel dodicesimo capitolo del suo libro Come trattare gli altri e farseli amici.

(Traduzione di Federico Ferrone)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.