29 aprile 2017 18:00

È stato costruito un albero genetico delle razze canine. I ricercatori dei National Institutes of Health di Bethesda, negli Stati Uniti, hanno studiato il dna di 1.346 cani appartenenti a 161 razze, che hanno classificato in 23 gruppi. L’albero è ancora incompleto, perché esistono circa 400 razze di cani al mondo. Inoltre, alcune razze sembrano includere animali molto eterogenei tra loro. Infine, Heidi Parker e colleghi non sono riusciti a inserire tutte le razze in uno dei 23 gruppi.

La struttura dell’albero conferma alcune notizie storiche, ma ha dato alcuni risultati inattesi. In qualche caso è stato possibile collegare una malattia a un gruppo di cani. Per esempio i ricercatori hanno collegato l’anomalia dell’occhio del collie al gruppo dei cani rurali britannici. Questo potrebbe aiutare a capire i fattori genetici di molte malattie.

Dallo studio pubblicato su Cell Reports è emerso per esempio che nelle Americhe, prima dell’arrivo degli europei, erano presenti razze locali, che sono scomparse. I loro geni sono però sopravvissuti nei rappresentati americani di razze europee. Inoltre, ci sono alcune eccezioni, come lo xoloitzcuintli. I ricercatori hanno anche individuato i gruppi più antichi di cani, gli spitz asiatici, come l’akita, e quelli del Medio Oriente-Mediterraneo, come il levriero saluki. È stato confermato che i cani di piccola taglia, come il carlino, hanno lo stesso antenato asiatico, che ha trasmesso questa caratteristica a più gruppi. Il pastore tedesco ha invece un antenato comune recente con il cane paratore italiano.

È stato confermato che la moda dei combattimenti di cani, in voga nelle isole britanniche nell’ottocento, ha dato vita ai molti incroci tra terrier e mastini inglesi. Sembra anche che i cani selezionati per fare la guardia alle pecore appartengano a due gruppi: un gruppo di cani molto grossi, selezionati per difendere le pecore dai predatori, come il pastore dell’Anatolia, e un gruppo di cani più piccoli e agili, selezionati per controllare i movimenti del gregge insieme ai pastori.