Francesco Peloso

È un giornalista che si occupa di Vaticano e chiesa. Scrive per Linkiesta, Vaticaninsider, Jesus, Limes. Ha collaborato con il sito di Time. Ha appena pubblicato La banca del Papa (Marsilio 2015).

Per il Vaticano lo scandalo degli abusi è l’ultima occasione per riformarsi

La riunione straordinaria in corso al Vaticano tocca diversi nervi scoperti del dibattito interno alla chiesa e deve portare a un rinnovamento soprattutto culturale. Leggi

La chiesa cattolica non è un posto per donne

In Vaticano non ci sono donne a capo di un dicastero, ed è difficile trovarne negli organismi decisionali. Un’esclusione con conseguenze gravi per la chiesa. Leggi

pubblicità
Chiesa e leggi razziali, il caso è ancora aperto

Le leggi razziste e antisemite promulgate dal regime fascista nel 1938, furono accolte da un clima di “pavida indifferenza collettiva anche da gran parte dei cattolici”, ha ammesso il presidente della Conferenza episcopale italiana. Leggi

Óscar Romero, il santo dalla parte dei poveri

La canonizzazione dell’arcivescovo di San Salvador, il 14 ottobre, è stata fortemente voluta da papa Francesco. Non per normalizzare la sua testimonianza, ma per inquietare di nuovo la chiesa. Leggi

La Cina apre al papa la porta d’oriente

La Santa Sede e Pechino hanno raggiunto il primo accordo per la nomina condivisa dei vescovi nel gigante asiatico dopo negoziati lunghi e faticosi, segnati da passi indietro e opposizioni interne da entrambe le parti. Leggi

pubblicità
Lo scandalo che il papa non riesce ad arginare

Un colpo durissimo per la chiesa. È questo l’effetto del rapporto sugli abusi sessuali commessi da rappresentanti del clero in Pennsylvania. Leggi

Il crocifisso non è un’ideologia

Se una parte della chiesa prova a non farsi strumentalizzare da politici nazionalisti, il cattolicesimo conservatore trova alleati nelle correnti pentecostali integraliste, entrando in collisione con il pontificato di Francesco. Leggi

Lo scandalo che deciderà il futuro della chiesa

Nell’arco dell’ultimo ventennio, lo scandalo degli abusi sessuali sui minori ha aperto una crisi drammatica nel cattolicesimo mondiale e prodotto cambiamenti profondi nella chiesa di Roma. Leggi

Cinque anni di riforme e scontri in Vaticano

Dall’elezione nel marzo 2013, Bergoglio ha provato a riformare finanza e giustizia, e cambiare direzione rispetto a temi come pedofilia, lavoro, ambiente. Ma nella curia c’è chi si oppone. Leggi

Dal Cairo Francesco lancia una proposta di pace per il Medio Oriente

Prendendo la decisione di andare in Egitto contro ogni prudenza o convenienza, Jorge Mario Bergoglio ha scelto di dirigersi direttamente nell’occhio del ciclone. Leggi

pubblicità
In Medio Oriente i cristiani cercano protezione ma sono travolti dalla violenza

La sequenza impressionante di attentati e azioni militari avvenuti in Europa e in Medio Oriente nelle ultime settimane è una sfida estrema per qualsiasi strategia di uscita graduale dai conflitti. Tra i pochi leader mondiali ad aver compreso pienamente la gravità della situazione c’è sicuramente il papa che, non a caso, ha in programma un viaggio in Egitto per il 28 e 29 aprile. Ma non tutta la chiesa lo segue. Leggi

Tutti gli ostacoli che ha ancora davanti Jorge Mario Bergoglio

Quattro anni dopo quella sera del 13 marzo 2013, quando il cardinale francese Jean-Louis Tauran annunciò dalla loggia centrale della basilica vaticana l’elezione a vescovo di Roma di Jorge Mario Bergoglio, molte cose sono cambiate. Probabilmente il nuovo papa sarebbe andato assai più avanti ma, strada facendo, si è reso conto che le resistenze interne erano troppo forti, troppe le paure e i poteri consolidati che frenavano. Leggi

Migranti, pace e ambiente separano il papa da Donald Trump

Due leader, due protagonisti della scena mondiale, destinati a restare su fronti opposti, a detestarsi, a combattersi, quanto meno sul piano dei valori e della visione del mondo; eppure, prima o poi, è possibile che arrivino a una stretta di mano, all’inevitabile faccia a faccia. Questo impone la diplomazia, questo dice la storia delle solide relazioni fra Washington e il Vaticano. Leggi

In America Latina fare il prete significa rischiare la vita

Rapimenti, aggressioni, torture, estorsioni, omicidi: la violenza dilaga nella vita quotidiana di molti paesi latinoamericani. E mentre la criminalità organizzata estende il suo dominio, anche la vita dei sacerdoti è sempre più a rischio. Leggi

In un Natale di guerra il papa rilancia il messaggio di Gandhi e Martin Luther King

Il conflitto in Siria, i rapporti difficili con la nuova amministrazione statunitense, la scomparsa dei cristiani dal Medio Oriente. Probabilmente questo è il periodo più difficile del pontificato di Bergoglio. Eppure in questo quadro preoccupante la sua proposta è il valore universale della non violenza. Leggi

pubblicità
Gli archivi vaticani rivelano il destino dei desaparecidos in Argentina

L’operazione potrebbe contribuire a conoscere la sorte, almeno di una parte, di quei desaparecidos di cui non si è saputo più nulla o di cui molto spesso si sono avute solo notizie incomplete e frammentarie. Come ha ripetuto più volte anche Estela Carlotto, una delle leader delle nonne di plaza de Mayo, si tratta di ricostruire una memoria amputata non di rinfocolare il sentimento di vendetta. Leggi

La geografia di Bergoglio crea nuovi scossoni nella chiesa 

Con la nomina di 17 nuovi cardinali Jorge Mario Bergoglio prosegue nel suo tentativo di capovolgere le gerarchie e i poteri che governano la chiesa. Su questa strada sta incontrando oppositori interni e consensi. Bisogna vedere se nel futuro della chiesa ci sarà un Pio XIII – per dirla con il regista Paolo Sorrentino – o invece un altro vescovo che viene dalla “fine del mondo”. Leggi

Per il papa il dialogo è una bussola per il futuro

Quando Francesco riceve e abbraccia i parenti delle vittime di Nizza, compie certo un gesto cristiano, in linea con il magistero che va proponendo, ma indica allo stesso tempo un modello di leadership morale. Una lezione di politica e di umanesimo, di fronte alla quale le attuali classi dirigenti europee e occidentali sono sorde o non sono all’altezza. Leggi

Federico Lombardi per dieci anni è stato la voce del Vaticano

In questo periodo tra i più turbolenti della vita della chiesa nell’epoca moderna, si è trovato a guidare la comunicazione vaticana padre Federico Lombardi, gesuita, chiamato a ricoprire l’incarico nel luglio del 2006. Tra la scarsa comunicatività di Benedetto XVI e l’imprevedibilità di Francesco, il suo compito non è stato facile. E non lo sarà neanche prendere il suo posto. Leggi

Tra papa Francesco e l’America Latina è finito l’idillio

Papa Francesco ha un problema in casa, e più precisamente in Argentina, ma i guai si stanno allargando a tutto il Sudamerica. La strategia di Bergoglio nella regione faceva leva essenzialmente sull’alleanza stretta con alcuni leader in merito a vari temi come il riequilibrio delle risorse tra nord e sud del mondo, il netto rifiuto della supremazia dei centri di potere finanziari sui governi e sulla politica, la tutela dell’ambiente, la lotta alla povertà, la necessità di favorire la crescita di un’economia sociale, l’attenzione agli ultimi. Il quadro, però, in pochi mesi è profondamente cambiato. Leggi

pubblicità