Datagate

I passeggeri dell’Air France e di altre compagnie aeree sono stati spiati dai servizi segreti

I servizi segreti statunitensi e britannici hanno intercettato i telefoni di centinaia di migliaia di passeggeri sui voli della Air France e di altre compagnie aeree. Lo rivela una nuova inchiesta pubblicata da Le Monde in collaborazione con il sito The Intercept e basata sui documenti forniti dall’informatore Edward Snowden. Leggi

L’Nsa ha intercettato Ban Ki-moon, Silvio Berlusconi e altri leader mondiali
L’Nsa ha intercettato Ban Ki-moon, Silvio Berlusconi e altri leader mondiali. Lo rivelano nuovi documenti diffusi dal sito Wikileaks, che mettono in evidenza le attività di spionaggio dell’agenzia federale statunitense. Tra le conversazioni intercettate c’è anche un incontro dell’ottobre 2011 tra il presidente francese Nicolas Sarkozy, la cancelliera tedesca Angela Merkel e Silvio Berlusconi, pochi giorni prima delle dimissioni dell’allora premier italiano, e un vertice tra Ban Ki-moon e Angela Merkel sui cambiamenti climatici.
pubblicità
Facebook e altre aziende non potranno archiviare i dati degli utenti europei negli Stati Uniti.
Facebook e altre aziende non potranno archiviare i dati degli utenti europei negli Stati Uniti. In nome del diritto alla privacy, la corte di giustizia dell’Unione europea ha invalidato con una sentenza una precedente decisione della Commissione europea, che nel 2000 aveva stabilito che gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione dei dati personali.
Facebook e altre aziende non potranno archiviare i dati degli utenti europei negli Stati Uniti

La corte di giustizia dell’Unione europea ha dichiarato non valido il Safe harbor, il trattato commerciale che permette alle aziende tecnologiche statunitensi di conservare i dati degli utenti europei negli Stati Uniti. Secondo i giudici il trattato violerebbe la privacy dei cittadini dell’Unione. Leggi

Edward Snowden apre un account su Twitter.
Edward Snowden apre un account su Twitter. L’ex analista dell’Nsa e fonte dell’inchiesta datagate nel suo primo tweet ha scritto: “Riuscite a sentirmi?”. Snowden attualmente vive in Russia ed è ricercato dall’Fbi per aver diffuso documenti protetti dal segreto di stato.
pubblicità
Negli Stati Uniti esce la biografia a fumetti di Edward Snowden.
Negli Stati Uniti esce la biografia a fumetti di Edward Snowden. L’autore della graphic novel “Snowden” è Ted Ralls, ex vignettista del Los Angeles Times. Il libro racconta dell’ex consulente dell’Nsa e delle rivelazioni sulle attività di sorveglianza di massa portate avanti dall’agenzia statunitense dopo il 2001.
Cos’è il datagate e com’è cominciato

L’agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha spiato i presidenti francesi Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e François Hollande. La notizia ha creato imbarazzo diplomatico tra due i paesi e ha riaperto il dibattito sul datagate, che va avanti dal 2013. Ma cos’è il datagate e com’è nato? Leggi

La Nuova Zelanda spia gli altri paesi del Pacifico

La Nuova Zelanda conduce delle attività di spionaggio di massa su internet nei confronti dei paesi vicini nel Pacifico e condivide le informazioni raccolte con l’agenzia statunitense Nsa. Lo rivelano dei nuovi documenti riservati forniti da Edward Snowden e pubblicati dal sito The Intercept e dal quotidiano The New Zealand Herald.

L’agenzia Government communications security bureau, l’equivalente neozelandese dell’Nsa, ha spiato paesi come Tuvalu, le Samoa, Vanuatu, le isole Salomone, Tonga e i territori francesi d’oltremare Nuova Caledonia e Polinesia francese. I dati raccolti sono stati condivisi con i paesi della rete d’intelligence chiamata “Five eyes” (Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Canada).

Le intercettazioni avvengono nella base di Waihopai, nell’Isola del sud, in Nuova Zelanda. Si tratta di raccolta di dati full take, che mette insieme sia i contenuti delle conversazioni sia i metadati (informazioni che rimandano ad altri dati, possono indicare chi è il mittente o il destinatario di un messaggio, oppure l’indirizzo ip, l’orario e il luogo dal quale è stato mandato).

I dati, che comprendono email, chat e dati di navigazione, sono stati raccolti senza bisogno di chiedere autorizzazioni alla magistratura e vengono analizzati grazie al controverso software XKeyscore della Nsa, di cui Snowden aveva parlato già nel 2013.

Il premier neozalendese, John Key, ha detto che l’inchiesta di The Intercept e New Zealand Herald contiene errori e supposizione false, ma non ha spiegato quali. The Intercept, The New Zealand Herald

I servizi segreti britannici hanno usato illegalmente le informazioni raccolte dall’Nsa

Un tribunale del Regno Unito ha stabilito che dal 2007 fino al dicembre del 2014 i servizi segreti britannici Gchq (Government communications headquarter) hanno usato illegalmente le informazioni raccolte attraverso il programma di sorveglianza globale attuato dagli Stati Uniti, anche controllando il traffico internet.

Secondo l’Investigatory powers tribunal, l’accesso del Gchq alle intercettazioni raccolte dall’agenzia per la sicurezza statunitense Nsa rappresenta una violazione dei diritti umani. Il verdetto ha fatto riferimento alla mancanza di trasparenza. È la prima volta che il tribunale, nei suoi quindici anni di storia, si esprime contro l’agenzia di intelligence. Bbc, Guardian

Secondo Snowden i servizi segreti britannici hanno intercettato i giornalisti

L’agenzia britannica per la sicurezza Gchq nel 2008 ha intercettato numerose email inviate e ricevute da giornalisti statunitensi e britannici. Lo rivelano nuovi documenti diffusi da Edward Snowden, l’ex collaboratore della Cia che nel 2013 ha diffuso i documenti sulle attività di sorveglianza informatica da parte dell’agenzia per la sicurezza statunitense Nsa, facendo scoppiare il caso Datagate.

Tra i documenti controllati dalla Gchq ci sono messaggi di posta elettronica condivisi dai reporter di Bbc, Reuters, The Guardian, New York Times, Le Monde, Washington Post e altri mezzi d’informazione.

Le email archiviate fanno parte dei 70.000 documenti intercettati dall’agenzia nel corso di un solo giorno nel novembre 2008. I messaggi sono stati archiviati e condivisi liberamente nell’intranet dei dipendenti della Gchq. Non si sa se i giornalisti siano stati sorvegliati intenzionalmente o per caso.

I nuovi documenti di Edward Snowden provano anche che l’agenzia considerava i giornalisti investigativi come una minaccia simile agli hacker e ai terroristi. The Guardian

pubblicità
Gli avvocati spiati dal governo britannico

I servizi di sicurezza britannici hanno intercettato regolarmente le conversazioni riservate tra avvocati e clienti in diversi casi rilevanti per la sicurezza nazionale.

Lo rivelano alcuni documenti di tre agenzie governative del Regno Unito (Mi5, Mi6 e Gchq), dei quali è entrato in possesso il Guardian.

Secondo alcuni attivisti per la difesa della privacy, il governo ha usato le informazioni ottenute per difendersi nei casi giudiziari in cui sono state coinvolte le sue agenzie. The Guardian

L’Fbi ha trovato il nuovo Snowden

L’ex collaboratore dell’Nsa Edward Snowden non ha agito da solo, quando ha consegnato documenti riservati al giornalista Glenn Greenwald. Leggi

Glenn Greenwald: “L’inchiesta sull’Nsa non è finita”

L’intervento dell’autore dello scoop sul Datagate al South By Southwest di Austin. Leggi

Edward Snowden: “Ho giurato di proteggere la costituzione”

Cos’ha detto l’informatore del Datagate al South By Southwest di Austin. Leggi

Edward Snowden in diretta streaming da Austin

Il 10 marzo alle 11 (le 17 in Italia) Edward Snowden interviene al South By Southwest di Austin. Leggi

pubblicità
L’Nsa usa le onde radio per controllare i computer

L’agenzia governativa statunitense Nsa è in grado di sorvegliare anche i computer che non sono connessi a internet, grazie a un software che ha installato in più di 100mila computer in tutto il mondo. Leggi

La libertà sulla nuvola

Edward Snowden va difeso non solo perché le sue denunce hanno messo in imbarazzo il governo statunitense, ma anche perché ha rivelato che molti paesi si comportano come Washington. Leggi

L’Nsa ha pagato grandi aziende tecnologiche per coprire Prism

La National security agency (Nsa) ha dato milioni di dollari alle grandi società tecnologiche statunitensi come Google, Yahoo e Facebook, coinvolte nel programma di sorveglianza Prism, per pagare le loro spese legali e amministrative conseguenza della loro partecipazione al programma, lo rivela una nuova inchiesta del Guardian. Leggi

Come la Nsa ha violato la privacy degli americani

L’agenzia statunitense Nsa ha violato più volte le leggi sulla privacy negli ultimi due anni. Lo sostengono i nuovi documenti forniti da Edward Snowden e pubblicati dal Washington Post. Leggi

Che ci fa l’Nsa con una base segreta nel deserto

Arrivando da sud verso Camp Williams Road, appena fuori da Salt Lake City, c’è l’entrata di una gigantesca base militare. A destra non si vede molto: una macchia informe, una recinzione metallica, alcuni magazzini. Una piccola uscita, non segnata sulle mappe, porta verso una strada tortuosa. Un cartello giallo dice che è “proprietà militare chiusa al personale non autorizzato”. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.