Dischi da salvare

Ogni settimana un album ingiustamente dimenticato da riscoprire o da rivalutare.

L’incantevole arpa jazz di Dorothy Ashby

Un prezioso album del 1970, in bilico tra funky d’atmosfera e spiritual jazz. Leggi

Kevin Rowland e il suo inno alla mascolinità fragile

Storia dell’album, e della copertina, che costò la carriera al cantante dei Dexys Midnight Runners. Leggi

pubblicità
C’è vita dopo le Sugababes

L’album unicorno di Siobhán Donaghy, ex popstar bambina. Leggi

La voce nera e queer del britpop

Oggi si ricorda solo la rivalità tra i Blur e gli Oasis. Eppure tra il 1990 e il 1996 quella scena era molto più varia di quanto oggi pigramente ricordiamo. Ci fu, per esempio il debutto sfolgorante, e sottovalutato, di David McAlmont. Leggi

Uno sconosciuto Prince del Suriname

Sumy, la superstar del funk che veniva dal Suriname. Leggi

pubblicità
Gli ultimi giorni dell’electroclash

Mentre crollavano le torri gemelle Felix da Housecat resuscitava gli anni ottanta a suon di electrofunk. Leggi

Jill Jones, una musa riluttante

Un debutto sfolgorante sotto il segno di Prince e un’indipendenza pagata a caro prezzo. Leggi

Un’Aretha da riscoprire

Almighty fire, un album dimenticato e introvabile della grande soul sister. Leggi

La regina del soul afrocubano

Dalla Cuba di Batista alla New York degli anni sessanta, la storia della Lupe, regina del soul afrocubano, santona e icona gay. Leggi

McKay, la lunga strada da Bristol al Bronx

L’avventura americana di Geoff Barlow dei Portishead. Leggi

pubblicità
Il breve volo degli One Dove

La storia travagliata di un capolavoro dance dimenticato dei primi anni novanta. Leggi

La presenza di Phyllis Hyman

La voce immortale di Phyllis Hyman, artista sfortunata intrappolata tra due generazioni. Leggi

La vacanza psichedelica di Robert Smith e Steven Severin

Blue sunshine è un album nato quasi per scherzo che cambia il corso della New wave britannica. Leggi

Tanita Tikaram tra ragione e sentimento

La piena maturità di una popstar riluttante. Leggi

Ricordi elettronici tra Berlino e Birmingham

Electribal memories degli Electribe 101 è uno dei grandi album dance perduti degli anni novanta. Leggi

pubblicità
Musica in attesa dell’equinozio di primavera

Jon Hassell e la sua musica esoterica, tra ambient, jazz ed elettronica. Leggi

Un Natale così finto che sembra vero

Nel 1978 i Carpenters hanno creato l’album di Natale perfetto. Leggi

Lunga vita alla peggiore cantante della storia

La diabolica modernità di Florence Foster Jenkins. Leggi

Ritorno al (retro)futuro

Nel 1983 i Matia Bazar inventavano il synth pop italiano. Leggi

Viaggio al termine della seratona

Gli Everything but the Girl c’insegnano a piangere in discoteca senza vergognarci. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.