Giustizia internazionale

Oggi sappiamo che l’Honduras era un narcostato

Juan Orlando Hernández, presidente dell’Honduras dal 2014 al gennaio del 2022, è stato arrestato con l’accusa di narcotraffico e probabilmente sarà estradato negli Stati Uniti. Ma dovrebbe essere processato nel suo stesso paese. Leggi

La Palestina senza pace potrebbe ora ottenere un po’ di giustizia

La decisione della Corte penale internazionale di indagare nei territori occupati da Israele è l’ultima speranza per i palestinesi e un’occasione per il tribunale di dimostrare la sua indipendenza. Leggi

pubblicità
Chiesto l’ergastolo per l’ex generale serbo bosniaco Ratko Mladić
Chiesto l’ergastolo per l’ex generale serbo bosniaco Ratko Mladić. È in corso all’Aja la fase finale del processo contro Mladić per i crimini commessi durante la guerra nell’ex Jugoslavia. L’ex militare è accusato di due genocidi e di crimini di guerra e contro l’umanità. Alla fine di tre giorni di requisitoria i procuratori del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia hanno chiesto l’ergastolo, la pena più severa.
Un ex bambino soldato a processo per i crimini commessi in Uganda

Il 6 dicembre è cominciato all’Aja il processo a Dominic Ongwen, uno dei comandanti dell’Esercito di resistenza del Signore (Lra), il gruppo ribelle ugandese guidato da Joseph Kony. Leggi

Al via la fase finale del processo a Ratko Mladić per i crimini di guerra nell’ex Jugoslavia.
Al via la fase finale del processo a Ratko Mladić per i crimini di guerra nell’ex Jugoslavia. L’ex generale serbo, soprannominato il “boia dei Balcani”, deve rispondere di undici capi d’accusa di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità durante la guerra di Bosnia (1992-1995). La requisitoria del procuratore della Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia è cominciata il 5 dicembre e durerà per i due giorni successivi, dopo di che la parola passerà alla difesa. La sentenza è attesa per l’inizio del 2017. È l’ultimo grande processo del tribunale creato nel 1993.
pubblicità
Una giornalista in cella accanto a Mladić: il caso di Florence Hartmann

Dal 24 marzo la giornalista francese Florence Hartmann è detenuta all’Aja nella prigione del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. Hartmann è stata corrispondente di Le Monde durante le guerre dei Balcani e poi portavoce dello stesso tribunale. Ma perché una corte internazionale ha voluto arrestare una giornalista? Il caso fa discutere e in Francia e a Belgrado i sostenitori della Hartmann ne chiedono la liberazione. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.