Isis

La vita degli iracheni dopo la fine dell’occupazione jihadista

L’esercito dell’Iraq ha liberato le zone del paese occupate dal gruppo Stato islamico nel 2017. Ma tra sfollati, povertà, attentati e una ricostruzione che stenta a ripartire, le difficoltà per i civili continuano. Leggi

Finita l’utopia jihadista, le giovani occidentali vogliono tornare a casa

Sono partite dall’occidente, giovani e adolescenti, per raggiungere “l’utopia del califfato”. Arrivate in Siria, si sono sposate con i jihadisti e sono diventate madri. La loro sorte pone questioni politiche e morali ai governi occidentali. Leggi

pubblicità
I giovani iracheni vogliono musica e libri

L’inaugurazione di un centro commerciale a Baghdad e la fiera del libro di Mosul hanno mostrato il volto moderno e laico dell’Iraq. Leggi

Alla conquista di Raqqa, roccaforte dello Stato islamico in Siria

Le Forze democratiche siriane, una coalizione di ribelli guidata dai curdi, hanno cominciato ad attaccare il gruppo Stato islamico a nord di Raqqa, la città più importante che l’organizzazione controlla in Siria. Ma una conquista della città da parte dei curdi potrebbe spaventare gli arabi sunniti e alimentare il conflitto tra le varie comunità della Siria. Il video del New York Times. Leggi

L’Onu ha trovato 50 fosse comuni dello Stato islamico in Iraq.
L’Onu ha trovato 50 fosse comuni dello Stato islamico in Iraq. L’inviato dell’Onu Jan Kubis ha riferito al Consiglio di sicurezza di aver raccolto le prove di crimini efferati commessi dal gruppo jihadista nelle zone del paese che erano sotto il suo controllo. Per esempio, scavando in un campo da calcio di Ramadi, da poco riconquistata dall’esercito iracheno, sono emersi i resti di 40 persone.
pubblicità
A Roma si riunisce la coalizione dei paesi contro il gruppo Stato islamico.
A Roma si riunisce la coalizione dei paesi contro il gruppo Stato islamico. Al vertice partecipano 33 stati. Presente anche il segretario di stato statunitense, John Kerry. Al centro del dibattito la strategia per riconquistare i territori in mano all’Is in Siria, Iraq e Libia. Nel frattempo a Ginevra sono cominciati ufficialmente i colloqui di pace sulla Siria, come ha confermato l’inviato speciale dell’Onu Staffan de Mistura.
Cosa sappiamo e cosa non sappiamo dell’attentato contro un hotel di Bamako

Qual è la situazione in Mali? L’attentato di Bamako è legato a quelli di Parigi? Chi c’è dietro l’attacco al Radisson hotel di Bamako? Quattro domande e quattro risposte.  Leggi

Smantellato in Kuwait una cellula di sostegno al gruppo Stato islamico.
Smantellato in Kuwait una cellula di sostegno al gruppo Stato islamico. Il ministero degli interni dell’emirato ha annunciato di aver smantellato un gruppo internazionale che forniva sostegno logistico ai militanti del gruppo dello Stato islamico in siria. Il capo della cellula è un libanese che ha ammesso di aver facilitato il trasferimento di armi via mare dall’Ucraina verso la Siria. Tra i fermati anche un egiziano, tre siriani e un kuwaitiano.
Tre amici, un jihadista

La storia di tre ragazzi del Cairo, che crescono insieme negli anni in cui l’Egitto è scosso dalla primavera araba e dal ritorno dei militari al potere. Le loro vite prendono strade diverse: uno fa il fotografo di matrimoni, un altro lavora in un negozio di giocattoli. Il terzo parte per la Siria e si arruola tra i jihadisti del gruppo Stato islamico. Leggi

I festeggiamenti per l’avanzata dell’esercito iracheno a Tikrit

Le truppe e le milizie irachene sono accolte tra lacrime e grida di gioia dalla popolazione di Al Alam, appena fuori dalla città di Tikrit, nel nord dell’Iraq. Leggi

pubblicità
L’Australia manda altri 300 soldati in Iraq

L’Australia manderà altri 300 soldati in Iraq per addestrare l’esercito iracheno impegnato a combattere contro il gruppo Stato islamico. Lo ha annunciato il primo ministro Tony Abbott, dopo una richiesta di aiuto da parte degli Stati Uniti. Nel 2014 l’Australia ha già mandato in Iraq 600 militari, tra cui 400 soldati dell’areonautica e 200 forze speciali. Reuters

Il business dei migranti non è stato inventato dallo Stato islamico

È molto probabile che una grande maggioranza degli italiani pensi oggi che i barconi dei migranti siano strumenti di guerra del gruppo Stato islamico. Una buona parte pensa che il gruppo usa i barconi per avanzare verso Roma, un’altra meno sprovveduta è convinta che si finanzi grazie ai barconi. Leggi

Che cos’è il gruppo Stato islamico?

Dopo la morte di 21 ostaggi egiziani a Sirte, in Libia, uccisi da gruppi armati affiliati allo Stato islamico si è tornati a parlare dell’organizzazione jihadista che ha condotto un’offensiva in Siria e Iraq dal giugno del 2014. Ma cos’è lo Stato islamico? E da quando si parla della sua presenza in Libia? Leggi

Il Medio Oriente senza i cristiani

Dopo secoli di convivenza, il settarismo e l’ascesa degli estremisti stanno costringendo gli arabi cristiani a fuggire dalla regione. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.