Gwynne Dyer

È un giornalista canadese che vive a Londra. Autore di libri, documentari e programmi radiofonici, scrive una column di politica internazionale che è pubblicata in più di cento giornali di tutto il mondo.

Gwynne Dyer
La Corte penale internazionale sfida il presidente filippino

La “guerra alla droga” di Rodrigo Duterte ha causato migliaia di morti. L’inchiesta della Corte non serve a rovesciarlo, ma a ristabilire la legalità. Leggi

La decisione che cambiò il corso del ventesimo secolo

La decisione tedesca di attaccare i rifornimenti al Regno Unito nel 1917 causò l’entrata in guerra degli Stati Uniti. E le altre sanguinose guerre del novecento. Leggi

pubblicità
La Terra rischia di restare a secco

Nell’emisfero nord è un’estate apocalittica: incendi fuori controllo, ondate di calore, acquazzoni torrenziali e inondazioni bibliche. Eh già, si tratta di proprio di cambiamenti climatici. Come andranno a finire le cose? Leggi

La primavera asiatica è rimasta incompiuta

Prima della primavera araba c’era stata la primavera del sudest asiatico: Filippine, Birmania, Thailandia e Indonesia. Sembrava che la democrazia avesse messo radici profonde. Oggi la situazione è sconfortante. Leggi

La scommessa elettorale dell’opposizione pachistana

La posta in gioco in queste elezioni è la pace nel subcontinente indiano e la liberazione del Pakistan dal fardello del potere militare. Leggi

pubblicità
Le alleanze variabili tra Nato, Trump e Putin

Nonostante la consueta tempesta di affermazioni contraddittorie e improvvisate, la settimana di Donald Trump ha fatto emergere un paio di evidenti verità. Leggi

Londra uscirà malconcia dall’Unione europea

Le dimissioni di due ministri sostenitori della Brexit mostrano le profonde spaccature dei tory che cercano di rimanere disperatamente al potere. Leggi

Trump lancia la guerra commerciale alla Cina

Il 6 luglio scattano i nuovi dazi doganali tra gli Stati Uniti e la Cina. I leader dei due paesi sono in gara per mantenere la supremazia sui mercati mondiali. Leggi

L’Arabia Saudita resta una dittatura nonostante le riforme

Gioia e orgoglio per le donne saudite che finalmente hanno avuto il permesso di guidare. Ma per cambiare il paese servirà molto altro. Leggi

Erdoğan mette alla prova la democrazia turca

Non esiste alcuna possibilità di un lieto fine per le elezioni di domenica prossima in Turchia. Leggi

pubblicità
Una possibilità di pace per l’Etiopia 

Il nuovo premier Abiy Ahmed ha cancellato le tensioni ventennali con l’Eritrea. Ma questo non significa che il paese si stia liberando di un regime autoritario. Leggi

Ortega non ha più la fiducia dei nicaraguensi

Si sospetta che il presidente e la moglie vogliano creare un impero economico. Le proteste le sostiene la destra, ma i protagonisti sono gli studenti di sinistra. Leggi

La verità sul vertice coreano

Limitiamoci a immaginare che l’incontro fra Trump e il leader coreano Kim Jong-un si faccia. Quale potrebbe essere un esito positivo e verosimile? Leggi

Il cambiamento climatico che non ci aspettiamo

La maggior parte delle persone sbaglia a pensare che il riscaldamento globale sia un processo graduale e ordinato. Leggi

Il nuovo governo italiano è la tempesta perfetta per l’Europa

Dal punto di vista dell’Unione europea, la Brexit è un peccato, ma non un disastro. Un’eventuale uscita dell’Italia, invece, potrebbe minacciare la sopravvivenza dell’Europa unita. Leggi

pubblicità
Una seconda opportunità per la Malesia

Il ritorno al governo di Mahathir Mohamad potrebbe aiutare il paese a diventare un esempio di prosperità e multiculturalità. Leggi

Il marxismo nell’era della diseguaglianza globale

Marx voleva davvero cambiare il mondo, e il suo obiettivo era una società senza classi. L’obiettivo non è stato raggiunto perché l’eguaglianza universale è un obiettivo con un prezzo elevato. Leggi

Come salvare la democrazia, quando il lavoro non c’è

La disoccupazione globale ha raggiunto livelli altissimi. Per correre ai ripari potrebbe essere utile il reddito di base universale, che permette a chi non ha un lavoro di acquistare prodotti e servizi. Leggi

Cosa vuole Kim Jong-un

Il presidente nordcoreano dice di voler chiudere il programma nucleare, ma vorrebbe essere certo che Washington ritiri le sue truppe dalla Corea del Sud. Leggi

Tre presidenti in prigione per corruzione

Ancora oggi i leader politici che scatenano una guerra non finiscono in prigione, ma ci finiscono per corruzione. Da venerdì scorso è successo a tre di loro. Leggi

pubblicità