Gwynne Dyer

È un giornalista canadese che vive a Londra. Autore di libri, documentari e programmi radiofonici, scrive una column di politica internazionale che è pubblicata in più di cento giornali di tutto il mondo.

Gwynne Dyer
Una possibilità di pace per l’Etiopia 

Il nuovo premier Abiy Ahmed ha cancellato le tensioni ventennali con l’Eritrea. Ma questo non significa che il paese si stia liberando di un regime autoritario. Leggi

Ortega non ha più la fiducia dei nicaraguensi

Si sospetta che il presidente e la moglie vogliano creare un impero economico. Le proteste le sostiene la destra, ma i protagonisti sono gli studenti di sinistra. Leggi

pubblicità
La verità sul vertice coreano

Limitiamoci a immaginare che l’incontro fra Trump e il leader coreano Kim Jong-un si faccia. Quale potrebbe essere un esito positivo e verosimile? Leggi

Il cambiamento climatico che non ci aspettiamo

La maggior parte delle persone sbaglia a pensare che il riscaldamento globale sia un processo graduale e ordinato. Leggi

Il nuovo governo italiano è la tempesta perfetta per l’Europa

Dal punto di vista dell’Unione europea, la Brexit è un peccato, ma non un disastro. Un’eventuale uscita dell’Italia, invece, potrebbe minacciare la sopravvivenza dell’Europa unita. Leggi

pubblicità
Una seconda opportunità per la Malesia

Il ritorno al governo di Mahathir Mohamad potrebbe aiutare il paese a diventare un esempio di prosperità e multiculturalità. Leggi

Il marxismo nell’era della diseguaglianza globale

Marx voleva davvero cambiare il mondo, e il suo obiettivo era una società senza classi. L’obiettivo non è stato raggiunto perché l’eguaglianza universale è un obiettivo con un prezzo elevato. Leggi

Come salvare la democrazia, quando il lavoro non c’è

La disoccupazione globale ha raggiunto livelli altissimi. Per correre ai ripari potrebbe essere utile il reddito di base universale, che permette a chi non ha un lavoro di acquistare prodotti e servizi. Leggi

Cosa vuole Kim Jong-un

Il presidente nordcoreano dice di voler chiudere il programma nucleare, ma vorrebbe essere certo che Washington ritiri le sue truppe dalla Corea del Sud. Leggi

Tre presidenti in prigione per corruzione

Ancora oggi i leader politici che scatenano una guerra non finiscono in prigione, ma ci finiscono per corruzione. Da venerdì scorso è successo a tre di loro. Leggi

pubblicità
Le parole del papa sull’inferno, oltre le smentite del Vaticano

Il papa avrebbe detto a Eugenio Scalfari che non esiste l’inferno. La sala stampa del Vaticano ha smentito. Ma quelle parole non sono così lontane dalle idee di Francesco. Leggi

La guerra nello Yemen serve a punire l’Iran

Il nocciolo della questione è: l’Iran fornisce agli houthi i missili lanciati contro l’Arabia Saudita? Se è così, gli Stati Uniti hanno una scusa per attaccare l’Iran. Leggi

La vera minaccia delle auto senza conducente

Automobili, camion e autobus robot non decimeranno le persone, bensì i posti di lavoro. Leggi

Alla Casa Bianca restano solo i sudditi di Trump

Con il licenziamento del capo della diplomazia Rex Tillerson, il presidente degli Stati Uniti rimane praticamente senza oppositori interni. Leggi

L’Europa osserva le elezioni italiane

Al centro della campagna elettorale c’è stata la lotta all’immigrazione. E il tema è stato strumentalizzato dai partiti nazionalisti. Leggi

pubblicità
Senza più avversari, Putin si avvia a un quarto mandato presidenziale

Dopo aver neutralizzato il leader dell’opposizione, Aleksej Navalnyj, il presidente russo non ha più avversari credibili. I candidati rimasti servono solo a dare una parvenza di regolarità al voto. Leggi

I robot possono diventare nostri colleghi di lavoro

La maggior parte dei lavori sparirà prima o poi, compresi quelli che sembrano sicuri. Dovremo abituarci, come hanno dovuto fare i nostri antenati lasciando i campi per le città. Leggi

La sanità pubblica è una risorsa da difendere

Tutti i paesi dovrebbero avere un sistema sanitario pubblico: nel Regno Unito ha garantito un’aspettativa di vita alla nascita di quasi tre anni superiore a quella degli Stati Uniti. Leggi

Il Pentagono rilancia la strategia nucleare americana

Il dipartimento della difesa statunitense ha assunto toni da guerra fredda, e il mondo non ne aveva proprio bisogno. Leggi

In Siria tutti mentono

Gli Stati Uniti avevano promesso un appoggio ai combattenti curdi in Siria, ma la Turchia è intervenuta militarmente spingendoli a chiedere moderazione. Adesso Putin corteggia Ankara. Leggi

pubblicità