Gwynne Dyer

È un giornalista canadese che vive a Londra. Autore di libri, documentari e programmi radiofonici, scrive una column di politica internazionale che è pubblicata in più di cento giornali di tutto il mondo.

Gwynne Dyer
L’Irlanda del Nord è la nuova vittima di Boris Johnson

Gli accordi sulla Brexit voluti dal premier britannico hanno esasperato i giovani della comunità protestante nordirlandese, che si sentono traditi da Londra. Il malcontento potrebbe raggiungere la Scozia e il Galles. Leggi

Il blocco del canale di Suez mostra i problemi del trasporto marittimo

Tonnellate di merci viaggiano per il mondo via mare, seguendo le regole di un’insensata economia globale e inquinando il pianeta. È urgente ridurre questo traffico anche a costo di rendere più cari i nostri acquisti. Leggi

pubblicità
Israele al voto su Netanyahu per la quarta volta in due anni

Il 23 marzo gli israeliani tornano alle urne, ma già si parla di una quinta elezione nei prossimi mesi. Il premier, al potere da 12 anni, è deciso a conquistare l’immunità per evitare un processo per corruzione. Leggi

La nuova alleanza nata per contrastare Pechino

Il Dialogo quadrilaterale sulla sicurezza, Quad, riunisce per ora Stati Uniti, Australia, India e Giappone in funzione di deterrenza contro la Cina. Ma è uno spreco di denaro e di risorse. E forse non necessario. Leggi

Il Partito repubblicano deve liberarsi dall’ombra di Donald Trump

Il voto sull’impeachment dell’ex presidente mette i conservatori davanti a un bivio: dividersi, voltare pagina e riconquistare la destra moderata o lasciare che Trump continui a controllare il partito? Leggi

pubblicità
Joe Biden è un presidente fortunato

Un consenso superiore a ogni pronostico, il caos del Partito repubblicano e la difesa delle istituzioni democratiche: il nuovo presidente entra alla Casa Bianca con la possibilità di lasciare un segno. Leggi

La strategia britannica per vaccinare più persone possibile

Mentre la nuova variante del virus dilaga nel paese, si è deciso di lasciar passare più tempo del previsto tra la prima e la seconda somministrazione del vaccino, in modo da velocizzare la campagna. Una misura radicale, ma secondo alcuni necessaria. Leggi

I musulmani indiani accusati di usare il jihad dell’amore

Nel nord del paese una legge punisce i tentativi di convertire il coniuge all’islam. Le autorità dicono di voler difendere l’identità indù, ma in realtà una campagna d’odio antimusulmana fa comodo a un governo in calo di popolarità. Leggi

La carne artificiale sta arrivando

In Israele ha aperto il primo ristorante di carne non animale creata in laboratorio. Siamo all’inizio di una transizione mondiale, che secondo molti può aiutare la lotta contro la crisi climatica. Leggi

La Birmania vota ma la democrazia è lontana

In Birmania l’8 novembre si vota, e la vittoria del partito di Aung San Suu Kyi è scontata. Meno lo era la sua scelta di voltare le spalle ai rohingya. Leggi

pubblicità
Ci si può fidare di questi Stati Uniti?

Se Joe Biden vincesse le elezioni i prossimi anni saranno tesi e imprevedibili, con il congresso e la corte suprema pronti a bloccare qualsiasi trattato o riforma voluti dalla Casa Bianca. Gli alleati dovranno cercare sicurezza altrove. Leggi

Per la Brexit il tempo stringe e il disastro va evitato

Nelle trattative commerciali è l’economia più forte che guida le danze, e i negoziatori dell’Ue immaginano quindi che Johnson stia bluffando. Ma forse farebbero bene ad aiutare Johnson nel mascherare la sua sconfitta. Leggi

Cosa c’è dietro gli scontri nel Nagorno Karabakh

L’Azerbaigian ha lanciato un’offensiva nella regione occupata dall’Armenia negli anni novanta: la dittatura di Ilham Aliyev ha un grande bisogno politico di una guerra in questo momento. Leggi

Il vaccino miracoloso non esiste

Donald Trump vorrebbe annunciare una cura per il covid-19 prima delle elezioni e pazienza se il farmaco dovesse fallire o addirittura uccidere un gran numero di persone. Per fortuna non tutti ragionano così. Leggi

Gli ultimi giorni del vecchio Medio Oriente

L’accordo tra Israele ed Emirati Arabi Uniti non incide più di tanto sugli equilibri nella regione. Che nei prossimi anni saranno determinati dal crollo del mercato petrolifero e dalle difficoltà economiche di alcuni paesi. Leggi

pubblicità
La Bielorussia va al voto in un clima di repressione

Il presidente Aleksandr Lukašenko, al potere da 26 anni, cerca la rielezione domenica 9 agosto. Negli ultimi mesi ha fatto arrestare gli oppositori. Lo sfidano tre donne e lui reagisce con violenza. Leggi

Teheran sembra non voler diventare una potenza nucleare

Secondo gli esperti per sviluppare un programma nucleare servono dieci anni. Eppure l’Iran non sembra aver mai raggiunto l’obiettivo definitivo: anche se a qualcuno fa molto comodo presentarlo come un pericolo mondiale. Leggi

Il caso Huawei dimostra che non ci sarà un’altra guerra fredda

Il Regno Unito ha obbedito a malincuore alla richiesta statunitense di mettere al bando l’azienda cinese, e l’Europa non considera la Cina una vera minaccia. Leggi

Un pianeta meno affollato

La popolazione mondiale potrebbe cominciare a calare molto prima del previsto. Una buona notizia, ma non per alcuni paesi. Tra cui l’Italia. Leggi

Annettere la Cisgiordania non fa comodo a Netanyahu

I costi dell’annessione sarebbero alti per il premier, soprattutto perché sparirebbe il potente mezzo di propaganda della “minaccia” della soluzione a due stati che finora gli ha sempre permesso di essere rieletto. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.