Untitled, 1975. (Cindy Sherman, Collezione Verbund Vienna)

Vita da bambola

01 febbraio 2013 18:15

Cindy Sherman è una delle artiste statunitensi contemporanee più versatili. Ha cominciato a studiare pittura nel 1972, ma nel 1975 ha lasciato i pennelli per dedicarsi alla fotografia, che ha poi integrato con la video arte e le installazioni.

Influenzata dalla produzione di Lynda Benglis, Hannah Wilke, Adrian Piper, Eleanor Antin e Suzy Lake, ha sempre giocato un doppio ruolo nelle sue opere: quello di artista, ma anche quello di modella. Nella prima fase della sua carriera si è dedicata soprattutto ai ritratti: ha fotografato se stessa in diversi ruoli e con diversi vestiti. Era un modo per criticare la società maschilista e patriarcale e, allo stesso tempo, sottolineare la molteplice identità dell’interiorità femminile.

Le opere giovanili di Cindy Sherman saranno in mostra a Merano dal 1 febbraio al 26 maggio 2013.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.