25 febbraio 2016 13:45

Secondo l’agenzia svedese per le migrazioni, nel 2015 in Svezia sono state presentate più di 162mila richieste di asilo politico, in proporzione più che negli altri paesi europei, e sono state accolte 180mila persone, il doppio dell’anno precedente.

Di solito il 55 per cento delle richieste sono accettate, ma visto l’aumento del numero di arrivi nel paese, il governo di Stoccolma ha deciso di inasprire i controlli alla frontiera e il ministro dell’immigrazione ha annunciato che 80mila richieste del 2015 potrebbero essere respinte.

Intanto i profughi in attesa di una sentenza sono alloggiati in scuole, strutture alberghiere o edifici trasformati in centri di accoglienza temporanea. Il governo versa 500 corone (circa 53 euro) al giorno alle strutture private che ospitano dei profughi.

Le foto di David Ramos sono state scattate in alcune di queste strutture nel febbraio del 2016.