A sinistra: Diarra Fatoumata, 52 anni. A destra: foglia dell’albero del cacao. (Francesco Zizola)

Le nuove donne del cacao

30 giugno 2016 14:41

La Costa d’Avorio è il principale produttore al mondo di cacao, ne produce oltre un milione e mezzo di tonnellate all’anno. Quasi tutto il raccolto, però, viene esportato all’estero, dove l’industria del cacao fattura circa 66 miliardi di euro ogni anno. Nelle piantagioni lavorano principalmente donne e bambini, spesso sfruttati e vittime di tratta.

Tra le donne c’è da tempo la tradizione di usare gli scarti dei semi di cacao per produrre del sapone. Dopo aver visto questa attività, l’imprenditrice ivoriana Solange N’Guessan, che ha studiato management agricolo ed è a capo di 18 cooperative, ha deciso di aprire una fabbrica di sapone nel suo paese. “Ho trasformato una pratica antica in una produzione organizzata, con macchinari che hanno reso il lavoro meno faticoso e accessibile al maggior numero di donne possibile. È una fabbrica sostenibile perché utilizza materiali naturali del luogo: gusci del cacao e olio di palma”. L’azienda ora dà lavoro a molte donne, che hanno trasformato una loro tradizione domestica in opportunità di guadagno, e quindi di emancipazione, visto che hanno cominciato a vendere i loro prodotti ai circa cinquemila coltivatori della zona.

Francesco Zizola, che quest’anno terrà un workshop durante il festival di Internazionale a Ferrara, ha fotografato queste donne e il loro lavoro. Il suo progetto fotografico è diventato una mostra, intitolata “Le nuove donne del cacao”, che si terrà dal 1 al 17 luglio 2016 alla Triennale di Milano.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.