08 luglio 2016 17:41

“Quando fotografo, vedo la vita”, diceva Garry Winogrand. La vita per lui era l’energia delle strade nei suoi attimi improvvisi, che non seguono nessuna regola. Tra gli anni sessanta e settanta Winogrand ha definito la street photography non solo come stile, ma come attitudine. Una devozione ossessiva allo scatto, nei giorni, nelle strade. Dopo la sua morte, nel 1984, sono stati trovati più di seimila rullini non sviluppati.

Women are beautiful è uno dei suoi lavori più conosciuti. Esposte in mostra per la prima volta nel 1975, le 85 immagini che lo compongono sono un testamento sul suo lavoro durato una vita. Winogrand è stato tra i primi a raccontare la vita degli statunitensi tra le strade e i parchi di New York, nei musei, negli aeroporti, e in occasioni di feste pubbliche ed eventi sportivi.

Le sue immagini sono un grande archivio sulla moda e lo spirito delle donne dell’epoca, al centro di un percorso di liberazione ed emancipazione. Spesso usando un obiettivo che ostenta sulle forme e i gesti, le ritrae a volte pensierose, altre annoiate, altre divertite o diffidenti, ma senza giudicarle o entrare nella scena.

Women are beautiful è il titolo di un’ampia retrospettiva ospitata al Museo della provincia di Nuoro dal 15 luglio al 9 ottobre 2016.