28 settembre 2016 12:19

L’ex presidente israeliano Shimon Peres è morto il 28 settembre, alle due di notte, in un ospedale vicino a Tel Aviv. L’ex presidente, che aveva 93 anni, era ricoverato dal 13 settembre in seguito a un ictus. Nella sua carriera, Peres è stato diciotto volte al governo, come ministro o primo ministro, e dal 2007 al 2014 è stato presidente dello stato d’Israele. Ecco alcune date fondamentali della sua vita.

  • Shimon Perski nasce il 2 agosto 1923 in Polonia e nel 1934 emigra in Palestina con la famiglia, prendendo il cognome di Peres.
  • La sua militanza per la causa sionista comincia negli anni quaranta: nel 1946 conosce Ben Gurion, il fondatore dello stato israeliano, che diventa suo mentore.
  • A 29 anni viene nominato direttore generale del ministero della difesa, nel 1959 è eletto deputato alla Knesset con il partito Mapai, precursore del Partito laburista di cui sarà leader dal 1977 al 1992 e successivamente a più riprese fino al 2005. Tra i laburisti, il suo avversario storico nell’arco di trent’anni sarà Yitzhak Rabin, con cui si contenderà la guida del partito e del governo.
  • Tra il 1984 e il 1986 è primo ministro in un governo di unità nazionale con il partito di destra Likud.
  • Nel 1993, durante il governo di Yitzhak Rabin, conduce trattative riservate con i palestinesi fino alla firma, il 13 settembre, degli accordi di pace Oslo.
  • Nel 1994 riceve il premio Nobel per la pace insieme a Yitzhak Rabin e Yasser Arafat.
  • Nel 1995 Peres prende la guida del governo e del Partito laburista dopo l’omicidio di Rabin, il 4 novembre.
  • Nel giugno del 2007 viene eletto nono presidente dello stato d’Israele. Si dimette il 5 luglio 2014, durante la guerra a Gaza, poco prima di compiere 91 anni.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz ai funerali di Peres, il 30 settembre a Gerusalemme, parteciperanno numerosi leader di tutto il mondo, tra cui il presidente statunitense Barack Obama, Bill e Hillary Clinton e il premier canadese Justin Trudeau.