La processione durante il funerale di quattro uomini uccisi dall’esercito venezuelano a Capaya, il 29 novembre 2016. (Meridith Kohut, The New York Times/Contrasto)

La crisi del Venezuela

24 marzo 2017 13:20

Un tempo abituato a essere tra i paesi più ricchi dell’America Latina, il Venezuela vive da circa tre anni, dopo l’elezione del presidente Nicolás Maduro, una crisi economica gravissima. L’inflazione è arrivata all’800 per cento e, secondo un’inchiesta realizzata da tre università venezuelane, l’81 per cento degli abitanti, contro il 34,1 per cento del 2014, vive in povertà. Il 52 per cento della popolazione vive in povertà assoluta, il 93 per cento della popolazione non ha abbastanza denaro per comprare da mangiare e deve accontentarsi di due – meno – pasti al giorno e il 74 per cento delle persone intervistate ha dichiarato di aver perso otto chili in un anno.

In questa situazione aumentano le persone che per rimediare del cibo frugano tra la spazzatura o cacciano animali domestici. Anche il pane è sempre meno reperibile: il razionamento della farina imposto ai panettieri ha causato lunghe code e la chiusura di alcuni forni accusati di usare la farina loro assegnata per fare dolci invece del pane.

Alla crisi del pane si aggiunge l’assenza di farmaci, reperibili solo al mercato nero e ad altissimo prezzo: l’emergenza sanitaria sta toccando livelli drammatici.

L’assemblea nazionale ha dichiarato lo stato di crisi umanitaria e ha annunciato che intraprenderà delle azioni politiche per esercitare un maggior controllo sul governo.

Le foto sono state scattate da Meredith Kohut per il New York Times tra il 2016 e il 2017.

pubblicità

Articolo successivo

Israele dovrebbe ascoltare le parole dei palestinesi
Gideon Levy