I quartieri di Garbatella, del Quadraro, di San Basilio, del Quarticciolo e del Tufello sono stati progettati agli inizi del novecento come aree di edilizia popolare. (Gabriele Lungarella)

Alla scoperta dei confini di Roma

20 settembre 2017 17:47

LìMINE. Guida ai limiti di una città è un progetto collettivo, curato da Massimo Siragusa, che ha chiesto a sette fotografi di lavorare sul concetto di limite. Ognuno di loro lo ha interpretato in modo mutevole, scegliendo come punto di partenza Roma e il suo territorio.

“Un’insolita e parziale guida di Roma, che ci offre una chiave di lettura dello spazio che ci circonda dandoci codici di comprensione e un metodo per decifrarlo”, spiega Siragusa. I sette fotografi, Daniele Cametti Aspri, Paolo Fusco, Vincenzo Labellarte, Gabriele Lungarella, Michele Miele, Mauro Quirini e Michele Vittori, hanno indagato varie zone di Roma, dalle cinte murarie alle piccole frazioni, dalle spiagge ai quartieri popolari fino al Monte Terminillo.

Il progetto è diventato un libro, LìMINE. Guida ai limiti di una città, curato da Irene Alison, con una postfazione di Francesco Pacifico.

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti