Eveleigh Nash a Buckingham palace, Londra, 1953. (Inge Morath, Fotohof archiv/Inge Morath foundation/Magnum)

L’anima di Inge Morath

28 marzo 2019 17:03

Inge Morath (1923-2002) è stata una traduttrice, una giornalista, una fotografa e la prima donna ad entrare nell’agenzia Magnum.

Nata a Graz, in Austria, Morath studia lingue a Berlino, cominciando così a tradurre e poi a scrivere per la rivista Heute. In questi anni conosce e collabora con Ernst Haas, che fa parte dell’agenzia Magnum, e grazie a lui si avvicina alla fotografia. Magnum è stata appena fondata a Parigi, da un gruppo di fotografi che vuole organizzarsi come una cooperativa per garantire il pieno controllo e rispetto del proprio lavoro. Morath comincia a collaborare con loro come scrittrice e ricercatrice, ma dal 1951 realizza anche i primi progetti fotografici. Due anni dopo, entra nell’agenzia come fotografa.

La sua carriera è segnata dai viaggi e dagli incontri con grandi personaggi. Prima di partire per un reportage o di incontrare un artista da ritrarre, Morath si prepara, studia, in modo da creare un profondo contatto con il soggetto, lasciandosi guidare anche da una grande sensibilità: “Ti fidi dei tuoi occhi”, dice, “e non puoi fare a meno di mettere a nudo la tua anima”.

Fino al 9 giugno la Casa dei carraresi di Treviso ospita la prima retrospettiva italiana su Inge Morath, con 150 foto e decine di documenti.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.