Alcuni effetti benefici dell’attività fisica, come la riduzione dell’appetito e del peso, potrebbero essere legati a una molecola specifica. Da tempo si sa che l’esercizio fisico influisce sul metabolismo e protegge dall’obesità, ma il meccanismo non era chiaro. Ora, grazie a un nuovo studio condotto sui topi, è emerso il ruolo della molecola lac-phe. I ricercatori hanno fatto correre intensamente gli animali, osservando che in seguito producevano grandi quantità di questa molecola nel sangue. La molecola, che riduceva l’appetito nei topi obesi, facendoli dimagrire, deriva dal lattato, a sua volta prodotto durante l’esercizio fisico, e dall’aminoacido fenilalanina. I ricercatori hanno poi dimostrato che la molecola è prodotta anche dagli esseri umani e dai cavalli da corsa, ma non è chiaro se con gli stessi effetti. Da molti anni i ricercatori cercano di capire il collegamento molecolare tra attività fisica e peso. Se fosse confermato il ruolo della molecola lac-phe, si potrebbe creare un farmaco in grado di dare benefici a persone che non possono fare esercizio fisico, per esempio quelle con alcune malattie delle ossa. ◆

Questo articolo è uscito sul numero 1466 di Internazionale, a pagina 105. Compra questo numero | Abbonati