Ecco una storia che mancava dagli scaffali delle nostre librerie: ci pensa l’editore Giuntina a traghettarla in Italia. In realtà dalle prime pagine il racconto di Evie e Lottie, due gemelle diverse di 14 anni, sembra dipanarsi nel classico schema del romanzo young adult. Sono diverse perché hanno caratteri opposti e frequentano persone diverse. Evie sembra esplodere di energia, Lottie invece è più introversa, si ripara dal mondo e cerca di non mettere in gioco la sua sensibilità che a tratti è fuori dal comune. Questo porta una, la più sensibile, a far confluire tutta se stessa nel tennis , mentre l’altra, più energica, sente che deve condividere ogni grammo di sé affinando le battute di quel Club della comicità a cui partecipa con ardore. Purtroppo l’antisemitismo sconvolge tutto. Evie e Lottie sono ebree e capiranno che, nonostante la tragedia della shoah che ha sconvolto l’Europa del novecento e nonostante il lavoro incessante sulla memoria, l’antisemitismo purtroppo è ancora vivo. Per questo si uniscono. Un libro elegantemente scritto che spiega cosa significa vivere con la paura di un passato che tenta subdolamente di riaffacciarsi. Un libro coraggioso che ci parla di un presente ancora malato di razzismo. Igiaba Scego

Questo articolo è uscito sul numero 1442 di Internazionale, a pagina 86. Compra questo numero | Abbonati