Il comico francese Dieudonné condannato per apologia del terrorismo

Un tribunale di Parigi ha ritenuto il comico colpevole di aver scritto scritto su Facebook: “Mi sento Charlie Coulibaly” all’indomani della strage nella redazione del giornale satirico

Il comico francese Dieudonné: “Mi sento Charlie Coulibaly”

12 gennaio 2015 15:54

La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per apologia del terrorismo contro il comico francese Dieudonné M’bala M’bala.

L’11 gennaio, dopo la manifestazione di Parigi a cui ha partecipato, Dieudonné ha scritto su Facebook di sentirsi “Charlie Coulibaly”, mettendo insieme il nome del giornale satirico colpito da un attentato e quello di uno dei terroristi, Amedy Coulibaly.

Il ministro dell’interno francese Bernard Cazeneuve ha condannato le affermazioni del comico. Il ministro ha minacciato di fare causa a Dieudonné, già condannato in passato per antisemitismo. Il comico ha da poco lanciato un partito politico con Alain Soral, un saggista di estrema destra. Afp

pubblicità

Articolo successivo

Romantic Irpinia
Pier Andrea Canei