02 aprile 2015 12:26

Il gruppo jihadista somalo Al Shabaab ha rivendicato la responsabilità dell’attacco al campus universitario di Garissa, in Kenya. Il bilancio provvisorio è di 14 morti e almeno 65 feriti. Un portavoce del gruppo ha spiegato che i combattenti hanno preso di mira in particolare gli studenti cristiani, lasciando andare i musulmani. Un numero non precisato di cristiani è stato preso in ostaggio. “Ci sono molti cristiani morti dentro l’edificio. Abbiamo anche preso molti cristiani vivi. I combattimenti sono ancora in corso nel college”, ha detto Sheikh Abdiasis Abu Musab, il portavoce delle operazioni militari di Al Shabaab.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

L’attacco sarebbe stato organizzato per ritorsione al sostegno dato dal Kenya nella lotta contro i gruppi legati ad Al Qaeda in Somalia, nell’ambito dell’operazione dell’Unione africana. La polizia e i soldati hanno circondato il campus e stanno cercando di fermare l’attacco. Reuters, Bbc

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.