Il Pd ha perso anche a Gela e a Enna ai ballottaggi delle comunali

Meno della metà degli elettori ha votato ai ballottaggi delle comunali di domenica 14 giugno: è andato alle urne solo il 47,1 per cento di chi ne aveva diritto. Il centrosinistra è stato sconfitto a Venezia, Arezzo, Matera, Nuoro, Gela ed Enna e ha vinto invece a Trani, Macerata, Mantova, Segrate e Lecco

Due milioni di italiani al voto per i ballottaggi delle elezioni comunali

14 giugno 2015 18:00

Più di due milioni di cittadini sono chiamati alle urne per il turno di ballottaggio che riguarda dodici dei diciassette capoluoghi andati al voto il 31 maggio e 78 comuni. Tra questi tredici sono in Sicilia, dove i seggi saranno aperti anche domani dalle 7 alle 15. Alle 12, è stata registrata un’affluenza in calo rispetto al primo turno: aveva votato il 13,85 per cento, contro il 19,52 per cento del primo turno alla stessa ora. Nella maggior parte dei capoluoghi, al primo turno i candidati di centrosinistra hanno ottenuto più voti rispetto a quelli di centrodestra senza però superare il 50 per cento.

La sfida più importante è a Venezia, commissariata dopo lo scandalo del Mose, il progetto per difendere la città dall’acqua alta, e l’arresto del sindaco Giorgio Orsoni, avvenuto il 4 giugno dell’anno scorso. Al primo turno l’ex magistrato e senatore del Partito democratico (Pd) Felice Casson ha ottenuto il 38 per cento delle preferenze, contro il 28 per cento dell’imprenditore Luigi Brugnaro, candidato di Forza Italia e Nuovo centrodestra, che ha avuto il sostegno della Lega nord. Anche a Rovigo la candidata di centrosinistra Nadia Romeo ha ottenuto più voti del suo avversario di centrodestra Massimo Bergamin: 23,99 contro 18,64 per cento.

Ad Arezzo i punti di vantaggio di Matteo Bracciali, del centrosinistra, sull’avversario Alessandro Ghinelli al primo turno sono quasi dieci, mentre a Fermo Pasquale Antonio Zacheo può contare su soli due punti in più rispetto all’avversario Paolo Calcinaro. A Matera i cittadini devono scegliere tra il sindaco uscente Salvatore Adduce, del Pd, e Raffaello Giulio De Ruggeri, appoggiato da diverse liste civiche. A Chieti invece avanti al primo turno è il candidato del centrodestra Umberto Di Primio, che sfida Luigi Febo del Pd.

Al ballottaggio sono anche cinque candidati del Movimento 5 stelle: si tratta di Rosa Capuozzo, che a Quarto (Napoli) affronta Gabriele Di Criscio; Cettina Di Pietro, ad Augusta (Siracusa) contro Domenico Paci; Roberto Falcone, a Venaria (Torino) contro Salvatore Ippolito del Pd, avanti al primo turno; Domenico Messinese, a Gela (Caltanissetta) contro Angelo Fasulo del Pd; Sean Christian Wheeler, a Porto Torres (Sassari) contro Luciano Mura del Pd.

pubblicità

Articolo successivo

Le autorità marittime non hanno valutato la capacità della Libia di soccorrere migranti