Trovato un accordo tra Iran e grandi potenze sul nucleare

Mogherini: “Oggi è un giorno storico”

14 luglio 2015 13:33
L’Alta rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Federica Mogherini e il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif a Vienna, il 14 luglio 2015.

L’Alta rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Federica Mogherini e il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif hanno letto un comunicato comune al termine dell’ultimo vertice tra il gruppo dei 5+1 e l’Iran a Vienna in cui hanno annunciato il raggiungimento dell’accordo sul nucleare.

Oggi è un giorno storico. È un onore per noi annunciare che abbiamo trovato un accordo sul nucleare iraniano. Con coraggio, volontà politica, rispetto reciproco e autorevolezza abbiamo raggiunto quello che il mondo sperava: un impegno comune per la pace, uno sforzo comune per la sicurezza. Questo è un giorno storico anche perché stiamo creando le condizioni per costruire la fiducia e aprire un nuovo capitolo nella storia delle nostre relazioni.

Questo è il risultato di uno sforzo comune. Nessuno ha mai pensato che potesse essere facile. Le decisioni storiche non lo sono mai. Ma malgrado tutte le svolte, le difficoltà durante i colloqui e le numerose proroghe, la speranza e la determinazione ci hanno permesso di superare tutti i momenti difficili. Siamo sempre stati consapevoli della responsabilità che abbiamo rispetto alla nostra generazione e a quelle future.

Grazie al coinvolgimento di tutti i partiti, la dedizione e le capacità della nostra squadra, abbiamo concluso con successo i negoziati e risolto un conflitto che è durato per più di dieci anni.

Molte persone hanno aiutato a portare avanti questi difficili negoziati, negli ultimi dieci anni. E vogliamo ringraziare tutti, così come vogliamo ringraziare l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) per il suo contributo critico e la sua cooperazione così come il governo austriaco per il suo sostegno e ospitalità.

Noi tutti, i ministri degli esteri di Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito e Stati Uniti, si sono incontrati a Vienna, dopo mesi d’intenso lavoro a diversi livelli e con diverse formazioni per trattare un Piano d’azione comune, a partire dai parametri comuni su cui ci siamo accordati a Losanna il 2 aprile.

Oggi abbiamo approvato il testo finale di questo Piano comune. Il gruppo dei 5+1 e l’Unione europea insieme all’Iran hanno accolto questo storico Piano che garantirà che il programma nucleare iraniano avrà solo scopi civili e segnerà un cambiamento radicale nell’approccio alla questione. L’Iran ha affermato di nuovo che in nessuna circostanza cercherà di sviluppare o acquisire armi nucleari.

Il Piano di azione comune include anche il piano a lungo termine previsto dall’Iran e le previste limitazione sul programma nucleare iraniano e produrrà l’abolizione totale di tutte le sanzioni imposte dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite oltre a quelle multilaterali e nazionali legate al programma nucleare iraniano, compreso il graduale accesso al commercio, alla tecnologia, alla finanza e all’energia.

Il Piano di azione comune comprende un testo principale e cinque annessi tecnici sul nucleare, le sanzioni, la cooperazione energetica sul nucleare civile, una commissione congiunta e l’implementazione. Questi documenti sono dettagliati e specifici: questo è molto importante perché tutte le parti vogliono chiarezza in modo da assicurare la piena ed effettiva implementazione dell’accordo.

Il Piano di azione comune è un accordo equilibrato che rispetta gli interessi di tutte le parti. È anche complesso, dettagliato e tecnico: non possiamo riassumere tutto l’accordo adesso. Ma il testo completo sarà reso pubblico oggi e sarà presentato nei prossimi giorni dal gruppo E3+3 al Consiglio di sicurezza per la sua approvazione.

Sappiamo che questo accordo sarà soggetto a un accurato esame. Ma quello che stiamo annunciando oggi non è solo un accordo ma un buon accordo. Ed è un buon accordo per tutte le parti e per l’intera comunità internazionale.

Questo accordo apre nuove possibilità e una via per uscire da una crisi che dura da più di dieci anni. Ci impegniamo a far sì che questo Piano di azione comune sia interamente applicato, contando anche sul contributo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Chiediamo a tutta la comunità internazionale ad appoggiare la messa in pratica di questo sforzo storico. Questa è la conclusione dei nostri negoziati, ma non la fine del nostro lavoro comune. Continueremo a portare avanti insieme questo compito.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.