Secondo uno studio le donne sono meno sostituibili degli uomini dai robot

05 agosto 2015 12:55

Secondo uno studio le donne sono meno sostituibili degli uomini dai robot. Due nuove ricerche condotte dall’università di Oxford hanno dimostrato che il 47 per cento di 700 lavori che sono svolti dagli esseri umani potrebbero essere ricoperti dai robot nei prossimi anni. Gli studi hanno messo in luce però che a sostenere la concorrenza delle macchine saranno soprattutto i lavori eseguiti, nella maggior parte dei casi, dagli uomini. Un lavoratore maschio avrà il 70 per cento di possibilità in più di essere sostituito. Mentre i lavori ricoperti tradizionalmente dalle donne come l’infermiera e la maestra sono più difficilmente eseguibili da una macchina.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Lavaggio delicato
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.