12 agosto 2015 10:53

Lo yuan cinese svalutato per il secondo giorno consecutivo. La banca centrale di Pechino ha deciso di deprezzare dell’1,6 per cento la moneta cinese nei confronti del dollaro, dopo che ieri aveva abbassato il cambio di riferimento dell’1,9 per cento. È il più grande abbassamento del tasso dello yuan degli ultimi due decenni nei confronti del dollaro. La crisi della moneta cinese ha destabilizzato le borse: in sofferenza l’indice di Tokyo (-1,6 per cento) e in forte ribasso l’apertura dei mercati europei.