Un giudice di New York dà ragione alla Apple sulla privacy.

01 marzo 2016 08:59

Un giudice di New York dà ragione alla Apple sulla privacy. Il tribunale ha stabilito che l’azienda non è obbligata a sbloccare l’iPhone di un presunto trafficante di droga come ordinato dalla polizia. La sentenza può rappresentare un precedente nella battaglia della Apple contro l’Fbi, che chiede di decrittare il telefono del terrorista che ha ucciso 14 persone a San Bernardino, in California.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.