La parata militare durante la cerimonia d’insediamento del nuovo presidente del Ghana Nana Akufo-Addo (a destra) ad Accra, il 7 gennaio 2016. (Luc Gnago, Reuters/Contrasto)

Tutte le sfide del nuovo presidente del Ghana

La parata militare durante la cerimonia d’insediamento del nuovo presidente del Ghana Nana Akufo-Addo (a destra) ad Accra, il 7 gennaio 2016. (Luc Gnago, Reuters/Contrasto)
09 gennaio 2017 12:12

Probabilmente era un bel po’ che aspettava questo momento. Dopo essersi candidato due volte senza successo, il 7 gennaio ad Accra, Nana Akufo-Addo, 72 anni, è entrato ufficialmente in carica come presidente del Ghana. Per l’occasione nella capitale ghaneana sono arrivate tante personalità: ex capi di stato di altri paesi africani, diplomatici, inviati dei governi stranieri, ma anche semplici cittadini.

Nel corso di una cerimonia d’investitura rispettosa della tradizione, Akufo-Addo ha reso omaggio al suo predecessore, John Dramani Mahama, a cui ha attribuito il merito di aver rafforzato la democrazia. Dopo la vittoria di Akufo-Addo alle elezioni del 7 dicembre con il 53,85 per cento dei voti, Mahama, invece di contestare il risultato, si è sforzato di promuovere un passaggio di poteri pacifico, garanzia di continuità e di stabilità in un’Africa occidentale dove spesso si assiste a transizioni difficili.

Rilanciare la crescita
Ex avvocato, figlio di uno dei “padri della nazione” (Edward Akufo-Addo fu presidente dall’agosto del 1970 al gennaio del 1972), il nuovo leader si è impegnato a ridurre le tasse e a rilanciare il settore privato, con l’obiettivo di stimolare la crescita economica e creare nuovi posti di lavoro.

In un discorso dai toni kennediani, ha chiesto ai ghaneani di “essere cittadini, non spettatori; cittadini, non sottoposti”. Ha parlato inoltre della necessità di una giustizia equa e del “ritorno dell’integrità nella vita pubblica”, insistendo sul fatto che “le casse dello stato non devono diventare il bottino di un partito, ma le risorse per lo sviluppo economico e sociale del paese”.

Quest’esortazione non dovrebbe lasciare insensibili i ghaneani. Oltre agli sforzi per fermare l’inflazione e rendere più affidabile la rete elettrica, molti reclamano una lotta più dura contro la corruzione. Ora resta da vedere se in quattro anni Nana Akufo-Addo sarà in grado di affrontare tutte queste sfide.

(Traduzione di Francesca Sibani)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La triste storia di una splendida collezione d’arte
Daniele Cassandro
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.