Amatrice, il 6 gennaio 2017. Nella foto, a destra, il campanile di Sant’Agostino, crollato durante la scossa del 18 gennaio.

Cosa sappiamo del terremoto nell’Italia centrale

Amatrice, il 6 gennaio 2017. Nella foto, a destra, il campanile di Sant’Agostino, crollato durante la scossa del 18 gennaio.
18 gennaio 2017 12:09

Il 18 gennaio l’Italia centrale è stata colpita da un forte sciame sismico, con quattro scosse principali. Ecco cosa sappiamo finora del sisma:

  • Ci sono state quattro scosse principali: la prima, alle 10.25, di magnitudo 5,1, la seconda alle 11.14 di magnitudo 5,5, la terza alle 11.25 di magnitudo 5,3 e la quarta alle 14.33 di magnitudo 5,1. Ma lo sciame sismico è stato più ampio.
  • L’epicentro dei primi tre terremoti principali è avvenuto nei pressi di Montereale, Capitignano, Campotosto, in provincia dell’Aquila, a una profondità di nove chilometri. Gli altri comuni vicini al sisma sono Capitignano, Campotosto, Amatrice e Cagnano Amiterno. La scossa è stata avvertita anche nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche.
  • Un’altra scossa meno potente, di magnitudo 4,3, è stata avvertita alle 12.07 con epicentro vicino a Rieti.
  • Per il momento non si segnalano vittime o feriti gravi. Sono stati rintracciati 12 allevatori dispersi ad Arquata del Tronto, ma all’appello ne mancano ancora tre.
  • Nelle zone colpite dal terremoto del 24 agosto, in particolare nei comuni di Amatrice e Accumoli, si sono verificati alcuni crolli, come nel caso di un cornicione della Scuola Alberghiera di Amatrice che ha ceduto in seguito alla scossa. I vigili del fuoco stanno compiendo ulteriori verifiche ad Amatrice e Accumoli, rese difficili dalla presenza di molta neve, come ha confermato il capo della protezione civile Fabrizio Curcio.
  • All’Aquila le scuole resteranno chiuse anche domani.
  • Gli studenti di diverse scuole di Rieti sono stati fatti uscire precauzionalmente, come previsto dai piani di sicurezza, in seguito alla scossa di magnitudo 5.3 registrata alle 11.25 di questa mattina.
  • A Roma la metropolitana è stata chiusa per qualche ora per fare delle verifiche sulla sicurezza, ma è in corso di normalizzazione. Ci sono problemi al traffico e alla circolazione. Sono stati evacuati alcuni edifici scolastici e anche la sede del quotidiano la Repubblica.
  • Ad Amatrice è crollato quello che restava del campanile della chiesa di Sant’Agostino. Gravi danni al municipio di Campotosto, in provincia dell’Aquila.
  • L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha dichiarato che non si possono escludere delle nuove scosse nelle prossime ore.
pubblicità

Articolo successivo

I video e i progetti digitali finalisti al World press photo