17 giugno 2022 14:18

Prima della guerra Severodonetsk, una città nella provincia ucraina di Luhansk, nella regione del Donbass, aveva una popolazione di poco più di centomila abitanti. Non era nemmeno una delle quaranta città più grandi dell’Ucraina. Eppure nell’ultimo mese è diventata il campo di battaglia fondamentale della guerra Russia-Ucraina.

Le truppe russe occupano le aree residenziali. Le forze armate ucraine e diverse centinaia di civili, colpiti dall’artiglieria, si sono rifugiati nello stabilimento industriale di Azot, a ovest. Il 14 giugno la Russia ha distrutto l’ultimo ponte che collegava Severodonetsk alla vicina città di Lysyčansk. “Per molti aspetti, il destino del Donbass viene deciso lì”, ha dichiarato l’8 giugno Volodymyr Zelenskyj, presidente dell’Ucraina. Perché Severodonetsk è così importante?

Fonte: Financial Times, Liveuamap

La città ha un peso eccezionale nel conflitto politico e militare tra Russia e Ucraina da vent’anni. Nel 2004, quando a Kiev erano scoppiate le proteste contro le elezioni truccate, i politici locali di Severodonetsk avevano avuto un ruolo di primo piano nelle proteste per l’indipendenza e avevano minacciato di chiedere aiuto militare alla Russia. Dieci anni dopo, nel 2014, le proteste hanno rovesciato il presidente filorusso dell’Ucraina, e la Russia ha invaso il Donbass mentre le truppe filorusse hanno occupato Severodonetsk da maggio a luglio, finché le forze ucraine l’hanno ripresa. Da allora è rimasta in mano ucraina, appena a nord della linea di contatto che divide le forze russe e ucraine nella regione.

Una tenaglia più modesta
Il 24 febbraio di quest’anno la Russia ha invaso nuovamente l’Ucraina, contando di circondare le forze ucraine nel Donbass con un ampio movimento a tenaglia, salendo verso nord dalla costa del mar d’Azov e verso sud da Charkiv per puntare sulla città di Dnipro. Ma questa manovra si è rivelata troppo ambiziosa, e le forze russe hanno fatto ricorso a una tenaglia più modesta – una spinta a sud da Izyum e un’altra a nord da Popasna – per catturare una porzione ucraina più piccola che si incunea nel territorio controllato dai russi.

Severodonetsk si trova all’estremità orientale di quella tasca ed è la porta di accesso al nordest della provincia di Donetsk, l’altra parte del Donbass. È un obiettivo più facile per la Russia perché le forze ucraine più avanzate hanno meno copertura dall’aviazione e dall’artiglieria.

Conquistandola insieme a Lysyčansk si aprirebbe un percorso a ovest verso Slovyansk, la prima città caduta in mano ai russi nel 2014, e Kramatorsk, un centro industriale. La Russia ha attaccato Slovyansk da nord, ma ha dovuto lottare per sfondare. L’Ucraina è in posizione di vantaggio e almeno un tentativo per attraversare il fiume Sieversky-Donets a maggio si è concluso con un disastro.

Il controllo di Severodonetsk offrirebbe un’altra via di avvicinamento, anche se non facile, dal momento che i russi dovrebbero comunque attraversare il fiume e assaltare la vicina Lysyčansk, che si trova su una collina 150 metri più in alto di Severodonetsk. In questo senso, quella di Severodonetsk non è affatto una battaglia decisiva. Ma se la Russia la prendesse insieme a Lysyčansk, in effetti controllerebbe tutta la provincia di Luhansk. E se alla fine Slovyansk e Kramatorsk dovessero cadere, la Russia controllerebbe anche quasi tutte le città più grandi della provincia di Donetsk. Questo, a sua volta, le consentirebbe di affermare di essere riuscita in qualche modo a raggiungere il suo obiettivo dichiarato per cominciare la guerra, cioè “liberare” il Donbass.

pubblicità

Molti si aspettavano che le truppe ucraine si ritirassero da Severodonetsk settimane fa. La città ha poco significato intrinseco al di là della sua storia recente e Lysyčansk è un luogo più difendibile. Invece l’Ucraina ha contrattaccato e resiste. Uno degli obiettivi è impantanare le forze russe, guadagnando tempo fino all’arrivo di altre armi occidentali: i lanciarazzi statunitensi sono in arrivo. Il 15 giugno i servizi segreti militari britannici hanno affermato che la resistenza ucraina stava impedendo alla Russia di inviare le sue truppe altrove. Un secondo obiettivo è infliggere continue perdite alla Russia, impoverendo ulteriormente i suoi ranghi. Un terzo è che la città è un campo di battaglia più favorevole per le tattiche di guerra urbana, preferite dall’Ucraina, piuttosto che gli scontri di artiglieria a lungo raggio in campo aperto, in cui la Russia mantiene il vantaggio.

La resistenza ha avuto un costo. Severodonetsk era sfuggita a gravi violenze nel 2014. Prima della guerra era una “piccola città molto bella, pulita e accogliente”, dice Brian Milakovsky, che ha vissuto lì per sei anni fino a gennaio, occupandosi di questioni umanitarie e di sviluppo. Aveva conosciuto una piccola rinascita negli ultimi anni, racconta Milakovsky, dopo essere diventata la capitale amministrativa della regione al posto della città occupata di Luhansk, e aveva accolto rifugiati da altre parti della provincia. Il senso dell’identità ucraina era cresciuto. Severodonetsk “non era assolutamente una città senza futuro”, aggiunge. Ora, invece, è praticamente in rovina.

(Traduzione di Stefania Mascetti)

Questo articolo è uscito sul settimanale britannico The Economist.