24 maggio 2022 11:38

L’altro pomeriggio ho chiamato Anne Rimoin, epidemiologa dell’università della California a Los Angeles (Ucla), per chiederle informazioni sull’epidemia europea di vaiolo delle scimmie, una malattia virale rara ma potenzialmente grave, con decine di casi confermati o sospetti nel Regno Unito, in Spagna e in Portogallo. “Se osserviamo simili focolai, data la quantità di viaggi tra gli Stati Uniti e l’Europa, non mi sorprenderebbe vedere dei casi qui da noi”, mi ha detto Rimoin, che studia la malattia. Dieci minuti dopo si è fermata a metà di una frase per dirmi che un collega le aveva appena inviato un comunicato stampa: “I funzionari della sanità pubblica del Massachusetts confermano un caso di vaiolo delle scimmie”.

Il virus alla base del vaiolo delle scimmie è un parente stretto di quello che ha provocato il vaiolo, ma è meno letale e meno trasmissibile, e provoca sintomi che includono febbre ed eruzioni cutanee. Endemico in Africa occidentale e centrale, è stato scoperto per la prima volta in scimmie da laboratorio nel 1958, da cui il nome, ma gli animali selvatici che ospitano il virus sono probabilmente roditori. Occasionalmente il virus si diffonde nell’uomo e tali infezioni sono diventate più comuni negli ultimi decenni.

Raramente il vaiolo delle scimmie arriva in altri continenti e, quando questo accade, i focolai “sono così piccoli che si contano sulle dita di due mani”, mi ha detto Thomas Inglesby, direttore del Johns Hopkins center for health security. L’unico focolaio significativo negli Stati Uniti si è verificato nel 2003, quando una spedizione di roditori provenienti dal Ghana ha trasmesso il virus ai cani della prateria (dei roditori) nell’Illinois, che sono stati venduti come animali domestici e hanno infettato fino a 47 persone, nessuna delle quali è morta per questo motivo. Proprio nel 2021 due viaggiatori hanno trasportato autonomamente il virus negli Stati Uniti dalla Nigeria, ma non hanno infettato nessun altro.

Un test importante
Gli attuali focolai in Europa e negli Stati Uniti sono diversi e molto preoccupanti. Il primo caso, identificato nel Regno Unito il 7 maggio, rientra nello schema tradizionale: l’individuo in questione si era da poco recato in Nigeria. Ma molti altri non erano stati di recente in paesi dove la malattia è endemica, e alcuni non avevano avuto contatti evidenti con persone note per essere state infette. Questo suggerisce che il virus del vaiolo delle scimmie potrebbe diffondersi surrettiziamente da persona a persona, con un certo numero di casi non rilevati (il periodo di incubazione tra l’infezione e i sintomi è lungo: dai cinque ai 21 giorni). “È insolito vedere un tale numero di casi in quattro paesi contemporaneamente”, mi ha detto Inglesby (il numero è salito a 11, da quando abbiamo parlato il 18 maggio: la presenza di vaiolo delle scimmie è stata confermata anche in Svezia, Italia, Germania, Belgio, Francia, Canada e Australia).

Questi focolai di vaiolo sono particolari anche perché… Be’… Si stanno verificando nel terzo anno di una pandemia, “quando la popolazione è predisposta a essere più attenta ai focolai”, mi ha detto Boghuma Kabisen Titanji, medico della Emory university. “Non credo che sia necessariamente una buona cosa”. Nelle epidemie, le persone tendono a comportarsi in base agli eventi passati, non a quelli in corso. Durante l’epidemia di ebola nell’Africa occidentale del 2014, gli esperti statunitensi hanno dovuto sedare ondate di paranoia ingiustificata, che probabilmente hanno contribuito al fatto che il sars-cov-2 sia stato poi inizialmente minimizzato. Adesso, dal momento che gli Stati Uniti hanno catastroficamente sottovalutato il covid-19, molti statunitensi sono nel panico per il vaiolo delle scimmie e diffidano di riflesso di qualsiasi rassicurante dichiarazione ufficiale. “Non credo che la gente abbia motivo di andare nel panico in questa fase”, mi ha detto Carl Bergstrom dell’università di Washington, “ma non mi fido più del mio istinto, perché sono talmente stufo di tutto lo schifo che abbiamo vissuto che tendo a essere ottimista”.

Il covid-19 era del tutto ignoto quando è apparso per la prima volta, mentre il vaiolo delle scimmie è una malattia nota

Il vaiolo delle scimmie, quindi, è un banco di prova che dimostrerà quali lezioni il mondo ha (o non ha) imparato dal covid-19. Riusciremo a trovare il giusto equilibrio tra panico e lassismo, o ancora una volta incanaleremo la nostra incertezza verso una frenetica ricerca di risposte che poi si riveleranno sbagliate?

Tanto per essere chiari, il vaiolo delle scimmie non è il covid-19: si tratta di malattie diverse causate da virus diversi con caratteristiche nettamente differenti. Il covid-19 era del tutto ignoto quando è apparso per la prima volta, mentre il vaiolo delle scimmie è una malattia nota, ed esistono esperti del virus. Una di loro, Andrea McCollum dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc), mi ha detto che, in base agli studi esistenti, il vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente, né su lunghe distanze attraverso l’aria. Si trasmette attraverso superfici contaminate o tramite vicinanza prolungata con altre persone. Per questo motivo la maggior parte dei focolai è stata di piccole dimensioni e le persone hanno trasmesso la malattia principalmente ai loro familiari o agli operatori sanitari. “Per quanto ne sappiamo, questo non è un virus che si diffonde nella popolazione come il covid-19”, mi ha detto l’epidemiologa. “Serve davvero un contatto ravvicinato per la trasmissione da persona a persona”.

Conoscenze e incertezze
Certo, queste parole suonano familiari. All’inizio del 2020 molti esperti sostenevano che il covid-19 si diffondesse solo attraverso superfici contaminate o goccioline spruzzate da vicino, e da questo sono derivate la regola della distanza di un metro e il “teatrino dell’igiene”. È ormai un fatto accettato che la malattia si diffonde attraverso particelle di aerosol più piccole e che coprono distanze maggiori, da cui l’importanza della ventilazione e delle mascherine. Ma questo non significa che la storia si ripeterà oggi con il vaiolo delle scimmie. Uno studio del 2012 ha suggerito che il virus possa persistere nell’aerosol per diversi giorni, però in condizioni artificiali di laboratorio, e la persistenza è solo una piccola parte del processo di infezione. Chad Roy, l’aerobiologo della facoltà di medicina dell’università Tulane che ha condotto quello studio, mi ha detto che rispetto al coronavirus sars-cov-2, il vaiolo delle scimmie è “un virus completamente diverso e il rischio di trasmissione naturale tramite aerosol è molto meno probabile”. E resta il fatto che le passate epidemie di vaiolo delle scimmie non presentino analogie con un virus facilmente trasmissibile quale il coronavirus. “Il vaiolo delle scimmie non mi sembra un virus che viaggia per via aerea, come invece fa il covid-19”, mi ha detto Linsey Marr, esperta di aerosol all’università di Virginia Tech.

D’altra parte Marr ha meno sicurezze, a proposito del vaiolo delle scimmie, di quante ne abbia sul covid-19. E Titanji fa notare che le nostre conoscenze sul vaiolo delle scimmie si basano su appena circa 1.500 casi registrati a partire dal 2018. “Ho visto molte persone scrivere come se tutto ciò che sappiamo sul vaiolo delle scimmie fosse definitivo e indiscutibile, ma la realtà è che si tratta di un’infezione zoonotica rara”, ha detto. Per questo motivo, “mi schiero con i più prudenti”, ha detto. “Non possiamo usare quello che è successo con le precedenti epidemie di vaiolo delle scimmie per fare affermazioni generiche. Se c’è una cosa che abbiamo imparato dal covid-19, è che dobbiamo essere umili”.

Il cugino del vaiolo
Per decenni alcuni scienziati hanno espresso il timore che il virus del vaiolo delle scimmie potesse diventare più efficace nell’infettare le persone: ironia della sorte, dato che alla fine degli anni settanta abbiamo debellato il suo parente, il vaiolo. Il vaccino contro il vaiolo proteggeva solo parzialmente dal vaiolo delle scimmie. E le nuove generazioni, nate in un mondo senza vaiolo o campagne di vaccinazione contro il vaiolo, di conseguenza sono cresciute vulnerabili al vaiolo delle scimmie. Nella Repubblica Democratica del Congo questa diminuzione dell’immunità ha fatto sì che le infezioni da vaiolo delle scimmie fossero aumentate di venti volte nei tre decenni successivi alla scomparsa del vaiolo, come ha dimostrato Rimoin nel 2010. Questo dà al virus più possibilità di evolversi in un agente patogeno più trasmissibile all’uomo. Finora il suo R0- il numero medio di persone che contraggono la malattia da una persona infetta- è stato inferiore a uno, il che significa che le epidemie si esauriscono naturalmente. Ma potrebbe evolvere al di sopra di questa soglia e causare epidemie più prolungate, come ha simulato Bergstrom nel 2003. “Il vaiolo delle scimmie ci era apparso come una bomba a orologeria”, mi ha detto.

Questa possibilità getta una nube d’incertezza sulle attuali e insolite epidemie, che preoccupano tutti coloro con cui ho parlato. Sono opera di un nuovo e più trasmissibile ceppo di vaiolo delle scimmie? Oppure sono semplicemente il risultato di un maggior numero di spostamenti dopo l’abolizione delle restrizioni covid-19 a livello mondiale? O ancora, potrebbero essere dovute a qualcos’altro? Finora i casi sono più numerosi di quelli di una normale epidemia di vaiolo delle scimmie, ma non così numerosi da far pensare a un virus radicalmente diverso, mi ha detto Inglesby. Quest’ultimo non ha però nemmeno una spiegazione chiara per l’insolito andamento dell’epidemia, come peraltro non ce l’ha nessun altro.

Le risposte, tuttavia, dovrebbero arrivare rapidamente. Entro pochi giorni, gli scienziati dovrebbero aver sequenziato i virus dei focolai attuali, il che mostrerà se questi presentano mutazioni che potrebbero avere modificato le loro caratteristiche. Nel giro di qualche settimana gli epidemiologi europei dovrebbero avere un’idea più chiara dell’origine dei casi attuali e del fatto che ci siano o meno dei collegamenti tra di loro. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, McCollum mi ha detto che rimane in attesa di altri casi. Il giorno successivo alla nostra conversazione, è stato annunciato un altro caso sospetto: un paziente in cura presso il Bellevue hospital di New York.

Il vaccino contro il vaiolo è efficace all’85 per cento nel prevenire il vaiolo delle scimmie ed è già stato autorizzato per l’uso contro il virus

Gli Stati Uniti si trovano ovviamente in una posizione migliore per quanto riguarda il vaiolo delle scimmie rispetto al covid-19. Anche se il paese non aveva pianificato la risposta a una pandemia da coronavirus, ha però passato decenni a preparare una risposta a un uso bioterroristico del vaiolo. I due casi di vaiolo delle scimmie nel 2021 hanno fornito un’opportunità di mettere alla prova questi piani, che ora si stanno svolgendo senza problemi. Il caso del Massachusetts, per esempio, è stato identificato quando il medico del paziente, dopo aver esaminato i rapporti provenienti dal Regno Unito, ha chiamato il dipartimento di salute pubblica dello stato il 17 maggio. Nel giro di 12 ore il dipartimento ha raccolto e analizzato i campioni del paziente. Il giorno successivo sono arrivati altri campioni ai Cdc, che hanno confermato che si trattava di vaiolo delle scimmie. “Il tutto ha funzionato molto bene”, ha detto McCollum. “Siamo una macchina abbastanza ben oliata”.

Un vaccino, inoltre, esiste già. Il vaccino contro il vaiolo è efficace all’85 per cento nel prevenire il vaiolo delle scimmie ed è già stato autorizzato per l’uso contro il virus. E come altra precauzione contro il bioterrorismo, le scorte di tre vaccini contro il vaiolo sono abbastanza grandi da poter “vaccinare praticamente chiunque negli Stati Uniti”, ha detto Inglesby. Sebbene i pazienti affetti da vaiolo delle scimmie ricevano di solito solo terapie palliative, esiste un possibile farmaco, e le riserve sono consistenti: il tecovirimat (Tpoxx), è stato sviluppato per curare il vaiolo, ma è probabile che funzionerebbe anche per il vaiolo delle scimmie.

Il vaiolo delle scimmie potrebbe anche essere meno letale di quanto spesso si sostiene. Il tasso di mortalità spesso citato, di circa il 10 per cento, si riferisce a un ceppo che ha infettato alcune persone nel bacino del Congo. Il ceppo dell’Africa occidentale, a cui sono stati collegati molti dei casi attuali, ha un tasso di mortalità più vicino all’1 per cento, e questo in popolazioni povere delle campagne. “Non abbiamo riscontrato decessi in persone che hanno avuto il vaiolo delle scimmie in contesti più benestanti”, ha detto Rimoin.

pubblicità

Tuttavia, come ha dimostrato il covid-19, anche quando una malattia non uccide, difficilmente può essere considerata “leggera”. Il vaiolo delle scimmie potrebbe non diffondersi come ha fatto il covid-19, ma per chi lo contrae rimane una “malattia seria”, ha detto McCollum. “Se le persone si ammalano, spesso restano malate per due o quattro settimane. È urgente diagnosticare presto le persone, fare sì che si curino, e identificare con chi sono stati in contatto”. Un aiuto viene dal fatto che un sintomo comune sia un’evidente eruzione cutanea, che somiglia a una versione estrema della varicella. Ma a differenza della varicella, l’eruzione cutanea del vaiolo della scimmia è solitamente preceduta da febbre, le lesioni sono inizialmente più dolorose che pruriginose, e i linfonodi sono spesso infiammati. “La cosa più costruttiva da fare è assicurarsi che le persone siano consapevoli di come si manifesta il vaiolo delle scimmie”, ha detto Titanji.

Per questo motivo, ha aggiunto, è importante evitare di stigmatizzare le persone infette. Molti dei casi attuali riguardano uomini che si identificano come gay, bisessuali, o uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini: uno schema insolito, non osservato nelle precedenti epidemie di vaiolo delle scimmie. Questo ha sollevato dubbi sull’esistenza di una possibile nuova modalità di trasmissione, ma il sesso comporta ovviamente un contatto ravvicinato e prolungato, che è comunque il modo in cui il virus si diffonde normalmente. Come ha dimostrato il covid-19, i primi racconti su una malattia possono trasformarsi rapidamente e prematuramente in una narrazione comunemente accettata. E se queste narrazioni si trasformano in stigmatizzazione, potrebbero impedire alle persone di farsi avanti e dichiarare i loro sintomi.

La comunicazione potrebbe rivelarsi una delle sfide più difficili per il vaiolo delle scimmie, come lo è stata per il covid-19. Abbiamo bisogno di dirigenti che dicano “ecco cosa sappiamo, ecco cosa non sappiamo: lo scopriremo e torneremo presto da voi”, secondo Inglesby. Ma alcuni dirigenti hanno perso credibilità durante la recente pandemia, mentre altri sono stati oscurati da esperti da poltrona che hanno accumulato un grande seguito. “All’improvviso, sono tutti diventati esperti del vaiolo delle scimmie”, mi ha detto Titanji.

(Traduzione di Federico Ferrone)

Da sapere
Le indicazioni dell’Oms sul vaiolo delle scimmie
  • Il vaiolo delle scimmie è causato dal virus del vaiolo delle scimmie, appartenente al genere orthopoxvirus nella famiglia poxviridae.
  • Il vaiolo delle scimmie è solitamente una malattia con sintomi che durano da due a quattro settimane. Possono verificarsi casi gravi. Negli ultimi tempi, il tasso di mortalità del caso è stato di circa il 3-6 per cento.
  • Il vaiolo delle scimmie si presenta clinicamente in genere con febbre, eruzioni cutanee e linfonodi ingrossati e può portare a una serie di complicazioni mediche.
  • L’infezione dell’essere umano avviene attraverso uno stretto contatto con una persona o un animale infetto o con materiale contaminato dal virus.
  • La trasmissione da una persona all’altra avviene per stretto contatto con lesioni, fluidi corporei, goccioline respiratorie e materiali contaminati come biancheria da letto.
  • Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi virale che si verifica principalmente nelle aree della foresta pluviale tropicale dell’Africa centrale e occidentale e occasionalmente viene esportata in altre regioni.
  • Un agente antivirale sviluppato per il trattamento del vaiolo è stato anche autorizzato per il trattamento del vaiolo delle scimmie.
  • La presentazione clinica del vaiolo delle scimmie somiglia a quella del vaiolo, un’infezione correlata all’orthopoxvirus che è stata dichiarata eradicata in tutto il mondo nel 1980. Il vaiolo delle scimmie è meno contagioso del vaiolo e provoca malattie meno gravi.
  • I vaccini usati durante il programma di eradicazione del vaiolo hanno anche fornito protezione contro il vaiolo delle scimmie. Sono stati sviluppati vaccini più recenti e uno è stato approvato per la prevenzione del vaiolo delle scimmie.Organizzazione mondiale della sanità

Questo articolo è uscito sul sito del mensile statunitense The Atlantic.

Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.