Una famiglia palestinese nel villaggio di Al Aujia, in Cisgiordania 8 aprile 2015. (Menahem Kahana, Afp)

Un cuore elastico

Una famiglia palestinese nel villaggio di Al Aujia, in Cisgiordania 8 aprile 2015. (Menahem Kahana, Afp)
11 settembre 2017 17:52

Debole è il cuore di una giornalista non obiettiva. Debole ed elastico. A un certo punto si contrae per la paura: un sms mi avverte che l’esercito israeliano ha invaso il villaggio palestinese di Al Auja, in Cisgiordania. Il cuore batte forte: sarà colpa mia? È la punizione per gli articoli che ho scritto sul comandante della valle del Giordano che esegue gli ordini di un colono e non permette ai pastori beduini di Al Auja di raggiungere i pascoli?

I beduini della tribù Kaabneh sono tenuti lontani dai pascoli da 13 anni dal proprietario di un ranch illegale. Ma di recente insieme agli attivisti dell’ong israeliana Taayush e di quella italiana Operazione colomba hanno deciso di sfidare il selvaggio west, che può contare su pistole, soldati, bugie e il sostegno dello stato. Forse mi stanno mandando un messaggio, mi stanno invitando a chiudere la bocca? O sono solo paranoica e megalomane?

Per fortuna ricevo dei commenti positivi a un editoriale in cui invitavo Belgio, Paesi Bassi e Francia ad approvare delle sanzioni contro Israele, invece di limitarsi a condannare le demolizioni. Come i divieti di costruire, le demolizioni sono un mezzo per espellere le persone verso le enclave gestite dall’Autorità palestinese e preparano il terreno a un’espulsione più grande, verso la Giordania. Cosa farà l’occidente quando accadrà? Si limiterà a distribuire acqua e tende ai milioni di profughi? I commenti positivi mi aprono il cuore. Ma poi si contrae di nuovo: non c’è niente da festeggiare.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Questa rubrica è stata pubblicata l’8 settembre 2017 a pagina 29 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La strage di Hanau nasce dalla violenza della nuova estrema destra
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.