La fiera mai vista

01 ottobre 2014 16:00

In soli tre anni Unseen ad Amsterdam, si è imposta come uno degli appuntamenti più importanti della fotografia contemporanea. La caratteristica di questa fiera, che somiglia molto a un festival dell’effimero, è di obbligare le gallerie a proporre opere che non sono ancora mai state messe in vendita.

Un eccellente osservatorio del presente. Si conferma un appuntamento dove il decorativo – ambito in cui la tendenza al grafismo che arriva dal Nordeuropa occupa uno spazio preponderante – e l’impegno a gettare uno sguardo sul mondo, dalla politica alla poesia, coesistono in armonia. Posto che si tratta comunque di una fiera, Unseen propone, accanto a quelle più serie, iniziative ludiche sempre più coinvolgenti, come per esempio quella in cui siamo invitati a immergerci in una nuvola. Ed è anche il luogo ideale dove gli editori meno conosciuti possono mettersi in mostra.

Molti i giapponesi, ma anche, per esempio, la lituana Kaunas photography gallery. Il Foam ha presentato, tra le altre cose, una potente esposizione dello svedese JH Engström e ha pubblicato per l’occasione il numero annuale di Talent. In questo contesto ideale il Prince Claus fund – che sostiene progetti radicali di artisti provenienti da paesi emergenti – ha presentato un sontuoso portfolio di sei stampe. A un prezzo ragionevole.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.