Leggere

24 gennaio 2019 18:20

Perché ci piacciono le notizie false? Con una certa regolarità sui giornali escono articoli in cui si dà conto di nuove ricerche che tentano di spiegare come nascono e si diffondono le fake news, oppure che dimostrano quanto le bufale siano radicate nelle nostre società.

L’ultimo studio è di due professori statunitensi, Gordon Pennycook e David Rand, che si chiedono se le persone si innamorano delle fake news perché sono accecate dalle loro passioni politiche oppure, al contrario, perché sono intellettualmente pigre (la loro risposta è che studiare aiuta a distinguere il vero dal falso, e che quindi una certa dose di pigrizia intellettuale potrebbe spiegare la facilità con cui circolano le bufale).

La scrittrice Jennifer Egan propone un’altra ipotesi, con una possibile soluzione. Più la realtà che ci circonda è terribile e minacciosa, scrive Egan, maggiore è la nostra voglia di trovare vie di fuga. In questo senso le fake news sono un modo per neutralizzare i fatti. Quando Donald Trump dice che il cambiamento climatico è un’invenzione, e che quindi l’umanità non corre nessun rischio, in fondo sta offrendo una soluzione a un problema complesso e apparentemente insormontabile.

Ma la confusione tra fantasia e realtà che ne risulta somiglia molto alla definizione di psicosi e dietro le notizie false si nasconde il pericolo della tirannia. È fondamentale quindi che i giornalisti continuino a fare il loro mestiere, smascherando le notizie false ed evitando che entrino in circolazione. Ma è difficile che un sistema dell’informazione sempre più spettacolarizzato riesca ad aggiustarsi da solo.

Un possibile antidoto allora è la letteratura, in ogni sua forma. Abbiamo più che mai bisogno di scrittori e scrittrici, dice Jennifer Egan. Perché la letteratura come la democrazia è costruita a partire da una pluralità di idee. E perché leggere ci ricorda l’importanza dell’empatia, delle sfumature e delle contraddizioni.

Questo articolo è uscito nel numero 1291 di Internazionale. Compra questo numero |Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.