Il presidente della repubblica Sergio Mattarella dopo l’incontro con Giuseppe Conte al Quirinale, Roma, il 4 settembre 2019. (Filippo Monteforte, Afp)

Il populismo sta finendo?

Il presidente della repubblica Sergio Mattarella dopo l’incontro con Giuseppe Conte al Quirinale, Roma, il 4 settembre 2019. (Filippo Monteforte, Afp)
04 settembre 2019 17:52

Abbiamo raggiunto il picco del fascismo in Europa? Va bene, il picco del nazionalismo: ma allora ci siamo? Sarebbe rassicurante, e tre eventi di questa settimana danno qualche motivo di speranza.

In primo luogo, domenica 1 settembre in Germania il partito di estrema destra Alternative für Deutscheland (AfD) non è riuscito a ottenere il primo posto nelle due elezioni statali in cui aveva la possibilità di formare il governo, la Sassonia e il Brandeburgo.

Entrambi gli stati sono colmi di risentimento perché l’ex Germania Est è ancora più povera della parte occidentale del paese trent’anni dopo la riunificazione. Non avendo mai vissuto l’immigrazione sotto il dominio comunista, prima del 1990, molte persone nell’est vivono nel panico permanente di essere sopraffatte dagli immigrati (anche se in realtà ce ne sono pochissimi).

Quindi, tra i sedici stati tedeschi, Brandeburgo e Sassonia avrebbero dovuto essere le vittorie più facili per l’AfD, ma non hanno vinto. Sono arrivati ​​al secondo posto in entrambi gli stati, ma sono stati battuti da un’affluenza insolitamente alta, chiaramente dovuta in gran parte a persone che di solito non si preoccupano di votare ma hanno capito che i loro voti erano necessari per fermare l’AfD.

I populisti sembravano quasi inarrestabili quando sono saliti alla ribalta per la prima volta nel 2016

In secondo luogo, il 3 settembre in Italia è diventato chiaro che la Lega, di estrema destra, è stata completamente emarginata. Ai tempi in cui si chiamava Lega Nord era un partito apertamente razzista e voleva separarsi dall’Italia per allontanarsi dai presunti pigri e corrotti italiani del sud. “A sud di Roma c’è l’Africa”, dice la parte più maligna degli italiani settentrionali.

La Lega, sebbene ribattezzata e ripulita, è ancora il Partito Cattivo, ma negli ultimi diciotto mesi è stata in un governo di coalizione con il Movimento 5 stelle (M5s), non altrettanto cattivo. La Lega stava andando bene nei sondaggi d’opinione e quindi il suo leader, Matteo Salvini, ha rotto la coalizione nella speranza di ottenere il potere esclusivo con nuove elezioni.

Invece il Movimento 5 stelle ha trovato un nuovo partner nella coalizione, il Partito democratico, e la Lega è stata lasciata fuori al freddo. Martedì 3 settembre 79.634 iscritti dell’M5s hanno ratificato l’accordo con un voto online – il partito è ultrademocratico – e la Lega potrebbe dover aspettare altri tre anni e mezzo per le elezioni legislative. Forse a quel punto i suoi numeri nei sondaggi saranno in calo.

E poi c’è il Regno Unito, dove il 3 settembre il nuovo primo ministro conservatore Boris Johnson ha affrontato il parlamento per la prima volta e ha immediatamente perso un voto chiave, perché 21 politici del suo stesso partito hanno votato contro di lui.

Boris – “Al” per gli amici, i familiari e le molte amanti, ma è passato a Boris da giovane perché pensava che fosse più memorabile – non è un neofascista. Non è affatto ideologico, è solo un opportunista pronto a indossare qualunque identità lo porti dove vuole arrivare. Al momento, la sua identità è quella di un nazionalista inglese di estrema destra.

Tuttavia molte delle persone intorno a lui hanno deciso di suicidarsi, dei veri nazionalisti che sognano la “piccola Inghilterra” senza preoccuparsi se la Brexit distrugge il Regno Unito. Insieme hanno dirottato il Partito conservatore.

pubblicità

Johnson sta attualmente fingendo di negoziare con l’Unione europea, mentre in realtà sta pianificando di uscire dall’Ue in un’uscita senza accordo, no deal, che danneggerebbe gravemente l’economia britannica. Ma garantirebbe il suo futuro politico come l’uomo che alla fine ha realizzato la Brexit (anche se una Brexit molto più estrema di quanto si potesse immaginare nel referendum del 2016).

Una simile Brexit creerebbe enormi opportunità per i “capitalisti del disastro” che hanno finanziato tranquillamente il movimento della Brexit e che sperano di spartirsi le risorse di un’Inghilterra paralizzata. Offre certamente alle parti non inglesi del Regno Unito, e in particolare alla Scozia, un perfetto pretesto per tenere un referendum sull’indipendenza.

Ma il futuro politico di Boris non è chiaro. Attualmente è un contendente per il titolo di primo ministro meno longevo nella storia britannica, perché la sua sconfitta in parlamento e la defezione di così tanti parlamentari conservatori moderati significano che ci dovrà essere un’elezione – che Johnson potrebbe perdere.

In discesa
Non ci sono state vittorie epiche questa settimana, punti di svolta decisivi. Il virus del nazionalismo infetta ancora la politica di molti paesi europei e perfino il futuro a lungo termine dell’Unione europea, garante della pace nel continente negli ultimi sessant’anni, non può essere dato per scontato. Ma ora è chiaro che i nazionalisti di estrema destra possono perdere e non solo vincere.

Ciò avrebbe dovuto essere ovvio, ma i populisti sembravano quasi inarrestabili quando sono saliti alla ribalta per la prima volta nel 2016. Brexit e Trump, poi Ungheria e Polonia, poi Italia e Germania: l’unica domanda era “chi sarà il prossimo?”.

Ora la rosa è sfiorita. Vincono qualcosa, perdono qualcos’altro – e questa settimana hanno avuto tre sconfitte pesanti. Senza dubbio rimarranno in giro per un po’, ma potremmo essere vicini al picco populista.

(Traduzione di Stefania Mascetti)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La diversità è un superpotere
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.