Il leader nordcoreano Kim Jong-un e il presidente sudcoreano Moon Jae-in a Panmunjom, lungo la linea di demarcazione tra i due paesi, il 27 aprile 2018.

Una mattina d’aprile storica per la Corea

Il leader nordcoreano Kim Jong-un e il presidente sudcoreano Moon Jae-in a Panmunjom, lungo la linea di demarcazione tra i due paesi, il 27 aprile 2018.
27 aprile 2018 13:49

Per l’occasione Moon Jae-in ha indossato una cravatta blu, il colore della penisola coreana sulla bandiera dell’unificazione. Kim Jong-un ha scavalcato la sottile striscia di cemento che divide la Corea del Nord e la Corea del Sud all’interno della zona demilitarizzata: sabbia sul lato nord coreano, ciottoli in Corea del Sud. Ha messo i piedi sui ciottoli: è la prima volta che un leader nordcoreano mette piede sul suolo sudcoreano in quasi settant’anni.

I due uomini si sono stretti la mano, si sono voltati verso le telecamere e, secondo la presidenza sudcoreana, Moon ha chiesto a Kim: “Quando potrò visitare il nord?”. Kim avrebbe risposto: “Perché non vieni adesso?”. E, in un momento non preparato, Moon Jae-in ha scavalcato il confine ed è atterrato sulla sabbia. Corea del Nord. Per alcuni momenti, si sono stretti la mano in Corea del Nord, prima di tornare indietro. Tutto questo è successo in pochi minuti, intorno alle 9.30 del 27 aprile 2018.


Circa cinquanta chilometri a sud del confine, nel centro di Seoul, un piccolo schermo era stato allestito dal governo di fronte al municipio. Quando i due leader coreani si sono stretti la mano, gli spettatori hanno cominciato a battere le mani e ad applaudire. La piccola folla, composta per lo più giornalisti e dipendenti pubblici, stava a guardare la scena iconica, che sicuramente sarà ripetuta e trasmessa all’infinito negli anni a venire. È stato un momento che tutti ricorderemmo.

È stato il primo summit intercoreano tra due leader coreani dal 2007. “Ci sono voluti undici anni perché accadesse”, ha detto Kim Jong-un prima di una riunione con Moon Jae-in e altri rappresentanti del sud. “Venendo qui, mi sono chiesto perché ci sia voluto così tanto… Ho sentito un flusso di emozioni, attraversando la linea di demarcazione”.

Tutti gli esperimenti nucleari e missilistici probabilmente hanno avuto qualcosa a che fare con la riunione per la quale sono serviti undici anni, ma Kim non ha ancora elaborato.

Le reazioni del pubblico
“Sembra che le relazioni tra nord e sud si stiano scongelando e sia un passo verso l’unificazione”, ha detto Kwon Ji-yoon, 30 anni, che lavora per il comune di Seoul. “Sono uscito dall’ufficio per vedere questo evento storico”.

“Sono venuto per seguire questo momento insieme ad altri”, ha detto Heo Bong-moo, 53 anni, impiegato. “Questo è l’inizio di scambi che finora erano bloccati. È molto emozionante. Spero che le due parti vadano avanti”.

“Ho portato i miei bambini oggi a vedere questo momento storico insieme. Spero che saranno in grado di vivere in un paese unificato dove possono prendere un treno fino in Europa “, ha detto Kim Dong-soo, 40 anni, venuto a vedere l’incontro con la sua famiglia.

Unificazione, il sogno coreano, come dice una popolare canzone coreana.

È un sogno che aveva cominciato a impallidire negli ultimi anni, mentre le generazioni più giovani faticano a ricordare perché sia ancora importante. Persino i test missilistici e nucleari di Pyongyang – che sono aumentati di frequenza dopo che Kim Jong-un è salito al potere nel 2011 – non sembravano abbastanza potenti da scuotere la maggiorparte dei sudcoreani dalla loro indifferenza.

Le potenti immagini di Kim e Moon che si stringono la mano, ridono e passeggiano scuoteranno i coreani? Renderanno più attuale quel sogno di unificazione? Almeno per oggi, la Corea del Nord sembra essere nelle menti di molte persone, visto che i titoli del vertice tra Moon e Kim dominano i social network, le classifiche dei motori di ricerca e gli hashtag.

Kim Jong-un ha detto di volere discussioni con un “atteggiamento franco, sincero e onesto”. Ha scherzato sul fatto che non avrebbe più interrotto il sonno di Moon Jae-in con altri lanci missilistici. Ha portato da Pyongyang dei naengmyeon (pasta di grano saraceno) come un gesto di buona volontà – un gesto che sembra essere un’ottima pubblicità per i ristoranti nordcoreani in Corea del Sud.

Davanti ci sono ancora molte sfide e molti elefanti nella stanza. In particolare, che dire degli abusi della Corea del Nord nel campo dei diritti umani, che Moon molto probabilmente non tirerà fuori?

Recentemente i genitori di Otto Warmbier hanno fatto causa alla Corea del Nord per aver torturato e ucciso loro figlio. La Corea del Nord sostiene che Warmbier, un cittadino statunitense, aveva tentato di rubare un poster di propaganda durante un suo soggiorno nel paese e lo aveva condannato a 15 anni di prigione. Warmbier è stato tenuto prigioniero per 17 mesi, alla fine, nel giugno del 2017, è tornato negli Stati Uniti in stato comatoso. È morto non molto tempo dopo il suo ritorno, senza mai riprendere conoscenza.

Dei simboli di pace come la stretta di mano tra due leader coreani sono ancora potenti

“Corea del Sud: non lasciare fuori i diritti umani dal vertice”, aveva chiesto Human Rights Watch alcuni giorni prima dell’incontro tra Moon e Kim.

Dietro la propaganda della pace, spinta pesantemente dal governo sudcoreano, è molto probabile che i colloqui possano andare in pezzi. La Corea del Nord non ha ancora fatto importanti concessioni sulla denuclearizzazione. Non è ancora chiaro perché, dopo mesi di provocazioni e guerre verbali con Donald Trump, Kim Jong-un abbia improvvisamente deciso di spingere per la pace. Una rete di complicati interessi, compresi quelli di Cina e Stati Uniti, sono coinvolti nei precari colloqui di pace.

Eppure, nonostante il mio scetticismo e la mia razionalità, dei simboli di pace come la stretta di mano tra due leader coreani o la Corea unificata disegnata sul prato del municipio di Seoul sono ancora potenti e memorabili.

pubblicità

La mattina del 27 aprile, tra una folla di altri giornalisti, ho mantenuto un’espressione tranquilla, ma ho cominciato a respirare più velocemente quando ho visto Moon e Kim insieme. Non era solo il significato politico del momento; non erano solo le implicazioni che il vertice potrebbe avere per la pace e la denuclearizzazione.

Ho pensato a chi sono loro, da dove vengono: la famiglia di Kim è originaria della Corea del Sud; i genitori di Moon Jae-in vengono dalla Corea del Nord. Ho pensato a mio nonno, che ricorda ancora una Corea prima della divisione, e al marito di mia zia, la cui famiglia viene dal nord. Ho pensato alla canzone di unificazione che dovevo imparare a memoria alle elementari.

Kim Jong-un lascerà la Corea del Sud tra poco, circa 12 ore dopo il suo arrivo. Ha scritto nel libro per i visitatori al museo della pace: “Ora comincia una nuova storia”. Moon Jae-in ha dichiarato: “Non ci saranno più guerre nella penisola coreana. Kim e io abbiamo confermato che il nostro obiettivo comune è realizzare una penisola coreana priva di armi nucleari”.

Forse parole come queste sono solo simboliche, ma perché il cuore accelera quando le leggo?

(Traduzione di Stefania Mascetti)

Questo articolo è stato pubblicato dalla rivista sudcoreana Korean Exposé.

pubblicità

Articolo successivo

Il villaggio che resiste
Amira Hass