Nord e sud digitali

13 maggio 2009 12:39

Facebook, YouTube e MySpace – i cavalieri della comunicazione globale – crescono a vista d’occhio nei paesi in via di sviluppo, a un ritmo superiore rispetto a quello dei paesi occidentali.

Chi li ha fondati dovrebbe essere contento: lo scopo di questi siti è una crescita senza limiti per creare delle comunità virtuali digitali. Ma non è così. Nei paesi poveri la popolarità di YouTube è controproducente, perché aumenta i costi per l’azienda senza generare nessun guadagno.

Gli utenti guardano i video per ore e ore, intasando la rete, senza neppure accorgersi della pubblicità. E se anche la notano, non possono permettersi il lusso di comprare i prodotti e i servizi reclamizzati. Nel mondo digitale il divario tra nord e sud è tornato a crescere. E gli esperti di marketing sono costretti a tenerne conto.

L’anno scorso una società di file sharing statunitense ha bloccato l’accesso agli utenti africani, asiatici, sudamericani e dell’Europa orientale. I princìpi base dell’economia capitalista stanno mettendo a dura prova la democrazia del web e i wiz-kid che hanno creato Facebook e YouTube. Neanche nel ciberspazio è possibile sfidare le leggi del mercato: quello che conta di più è sempre il profitto.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Siamo pronti ad affrontare le nuove epidemie?
Michael Le Page
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.