05 aprile 2017 19:00

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Slam. Tutto per una ragazza
Di Andrea Molaioli
Con Ludovico Tersigni, Barbara Ramella. Italia, 2016, 100’

Una sala piena di adolescenti che applaudono fa un bell’effetto. Anche perché i protagonisti di Slam sono due sedicenni. Il film è tratto dal libro omonimo di Nick Hornby, che pare abbia apprezzato la trasposizione cinematografica.

L’ambientazione è stata trasferita da Londra a Roma e la voce originale di Tony Hawk, skater californiano, idolo del protagonista Samuele, punteggia i momenti salienti della narrazione. Il ragazzo ha grandi sogni. L’università, i viaggi, la California. Ma l’incontro con Alice deciderà altrimenti della sua vita. Diventeranno genitori precoci, come la madre (Jasmin Trinca), che ha avuto Samuele a sedici anni, e il padre, scapestrato allora e oggi, un ottimo Luca Marinelli. Non è nemmeno facile raccontare il mondo dello skate, ma già la partenza, con una carrellata dei titoli di testa per le strade sconnesse di Roma, promette bene.

Qualcuno si è chiesto se il comportamento dei due adolescenti dopo l’imprevisto della gravidanza sia credibile, considerato che i sedicenni che si vedono in giro nelle nostre città sembrano ancora immersi nell’infanzia. Si esce, comunque, con la sensazione di aver visto un interessante e lieve spaccato di questa età. Che fa ridere e riflettere allo stesso tempo.