Viaggio in un centro di detenzione per migranti australiano

15 giugno 2015 11:48

La vita in un centro di detenzione per migranti e richiedenti asilo in Australia raccontata da un ex dipendente della Serco, la multinazionale che gestisce queste strutture per conto del governo.

Questo fumetto
Basato su interviste esclusive e sul diario di un ex dipendente della Serco, La storia di una guardia rivela come sono gestite le strutture di detenzione per migranti e richiedenti asilo in Australia.

Come tutti i dipendenti della Serco, il nostro informatore ha firmato un accordo di riservatezza con l’azienda e ha corso seri rischi per parlare con noi.

Prima di lavorare per la Serco, la nostra fonte si era interessata alle dure condizioni di vita dei richiedenti asilo nei centri di detenzione e si era fatta assumere come “operatore per l’assistenza del cliente” per cercare di aiutare le persone dall’interno del sistema.

Dal 2014, in seguito alla nuova politica dei respingimenti adottata dal governo australiano, i richiedenti asilo vengono dirottati in centri offshore a Christmas Island, sull’isola di Nauru, l’isola di Manu, la Papua Nuova Guinea e la Cambogia, con cui il governo di Canberra ha degli accordi. Di conseguenza il numero dei richiedenti asilo nelle strutture che si trovano sul territorio australiano è diminuito. Sam Wallman

Sam Wallman è stato ospite al festival di Internazionale a Ferrara.

Questo fumetto è stato pubblicato su The Global Mail.

Interviste: Nick Olle
Illustrazioni: Sam Wallman
Produttori: Pat Grant, Sam Bungey, Nick Olle
Designer: Pat Armstrong
Editor: Lauren Martin, Sam Bungey

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.