Si è dimesso un ministro del governo di transizione del Burkina Faso

L’esecutivo guiderà il paese verso le elezioni del novembre 2015. Molti incarichi sono stati assegnati ai militari

La fine di Compaoré

31 ottobre 2014 14:35

Le migliaia di persone che da giorni affollano le piazze di Ouagadougou volevano due cose: che Blaise Compaoré se ne andasse e che gli fosse impedito di ricandidarsi. La scintilla è stata la proposta di riformare la costituzione in modo da poter fare altri tre mandati. Compaoré è al potere dal 1987, ma la sua longevità politica non è da record: altri cinque presidenti africani sono al potere da più tempo.

La Francia ha sempre tollerato il suo regime: un presidente eletto quattro volte a larghissima maggioranza, utile alleato in una regione agitata. Compaoré ha fatto da ago della bilancia in varie crisi dell’Africa occidentale, da quella ivoriana a quella guineana, si è presentato come il mediatore e il garante della pace regionale e questo gli è servito per far dimenticare il suo peccato originale (l’uccisione di Thomas Sankara, eroe della liberazione postcoloniale) e l’eterno ultimo posto del Burkina Faso nelle classifiche mondiali dello sviluppo.

Ma oggi la Francia è un po’ meno tollerante. E questo, insieme all’esercito burkinabé apparentemente solidale con la protesta, ha segnato la fine di un’epoca. La “protesta dei cucchiai” sembra aver raggiunto i suoi obiettivi: dopo aver ritirato il progetto di legge per riformare la costituzione, Compaoré è stato obbligato a dimettersi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.