Nuovi clerici vagantes

09 ottobre 2014 09:00

Coma vigile: così è stato definito lo stato della ricerca scientifica nei paesi dell’Europa meridionale. Buona salute sarebbe lo stato in Germania e nell’Europa del nord. La Francia sarebbe a mezza strada. Un quadro comparativo è stato abbozzato da Carlo Di Foggia sul Fatto quotidiano e ripreso nella “Lettre de l’éducation” di Le Monde: più che in Portogallo, Spagna, Italia, dove i centri di ricerca sono molto più devastati e avviliti dalla riduzione dei fondi e dalla perdita di autonomia, in Francia il mondo della ricerca sarebbe ancora in grado di avere sussulti di protesta per cercar di scuotere l’opinione pubblica e forse il governo.

Un sussulto importante è l’iniziativa

Sciences en marche. Libération ha seguito sin dall’inizio il movimento: un gruppo di ricercatori di Montpellier (biologi, etologi, ingegneri, storici, politologi) ha lanciato l’idea che dalle città universitarie ricercatori con regolare permesso o congedo (non vuol essere uno sciopero) s’incamminino verso Parigi. Coinvolgendo anche studenti (fuori orario di lezione), si muovono con mezzi propri, eventualmente “adottati” da privati per l’ospitalità. Meta: la Porte d’Orléans il 18 ottobre. A ogni tappa del cammino sono in programma iniziative per spiegare le proposte e le richieste dei viandanti, molto moderate, ma concrete, e per cercare di avvicinare l’opinione pubblica alla comprensione della rilevanza civile, sociale, economica della ricerca di base. Adesioni stanno arrivando da parecchi paesi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.