Cristiani iracheni durante una messa a Bashiqa, a est di Mosul, dicembre 2016.

Idee pericolose contro i cristiani in Medio Oriente

Cristiani iracheni durante una messa a Bashiqa, a est di Mosul, dicembre 2016.
19 maggio 2017 17:30

Non si sa se è stato un caso, ma quasi nello stesso momento due importanti religiosi musulmani, Alaa al Mousawi, il capo della fondazione irachena che gestisce i luoghi santi sciiti, e Salim Abd al Jalil, il viceministro egiziano delle dotazioni religiose (awqaf), hanno dichiarato che i cristiani sono infedeli e che devono convertirsi all’islam o pagare la jizya, il tributo che in passato veniva richiesto a ebrei e cristiani per ottenere la protezione delle autorità islamiche. I due religiosi hanno basato le loro affermazioni su un versetto di 1.500 anni fa, senza prendere in considerazione il contesto e le circostanze in cui fu scritto.

Le loro dichiarazioni hanno scatenato vive reazioni sui mezzi d’informazione e nelle moschee. Sono nate anche campagne di sostegno ai cristiani, portate avanti da laici e musulmani.

Niente più discorsi
Centottanta famiglie irachene hanno citato Al Mousawi in tribunale, sostenendo che le sue parole incitano alla violenza e mettono in pericolo l’unità nazionale. Lo scrittore Amer Bader Hassoun ha chiesto ad Al Mousawi di scusarsi ufficialmente e di dimettersi. In Egitto, dopo le proteste sui mezzi d’informazione, il ministro delle dotazioni religiose ha deciso che il suo vice non terrà più discorsi nelle moschee e alla tv.

In ogni caso queste dichiarazioni mostrano che non sono solo Al Qaeda e il gruppo Stato islamico ad avere idee pericolose sui cristiani, ma anche una parte dei musulmani che combattono contro le due organizzazioni terroristiche.

(Traduzione di Francesca Sibani)

pubblicità

Articolo successivo

Nella Galizia sconosciuta tra scrittori e luoghi dimenticati
Andrea Pipino