Viaggio a fumetti nei campi profughi dell’Europa dell’est

17 febbraio 2016 14:38

Nell’ottobre del 2015, dopo essere stato ospite del festival di Internazionale a Ferrara, il disegnatore australiano Sam Wallman si è unito a un collettivo di attivisti tedeschi e polacchi che andavano a cucinare pasti caldi per i profughi nei campi allestiti ai confini dell’Europa dell’est. Voleva vedere con i suoi occhi la crisi dei profughi in corso.

Questo reportage a fumetti è stato pubblicato sul sito della tv australiana Sbs. Una versione del reportage è stato pubblicato il 15 gennaio 2016 a pagina 76 di Internazionale, con il titolo “Ain’t no border high enough”. Compra questo numero | Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

E alla fine Idomeneo porta a casa la pelle
Daniele Cassandro
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.