Ricordi di corna

19 luglio 2019 14:12

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono un bisessuale bianco sposato, ho 35 anni e vivo in una grande città del Midwest. Vorrei sapere cosa succede nella mia psiche, in termini di studi sulla sessualità. Sono ormai da anni ossessionato da fantasie di cuckolding con la mia compagna. Essendo una persona creativa, amo in particolare le fantasie a letto, che piacciono anche a lei. Nove volte su dieci, però, invento storie su lei che si scopa altri uomini, sia a tre sia con me che guardo, o su lei che esce con qualcuno e torna a casa deliziosamente sporca di sesso. Le fantasie hanno preso una piega inaspettata quando le ho chiesto di raccontarmi di persone che si è fatta in passato. Lei lo ha fatto, e io cazzo se mi sono eccitato. L’unico inconveniente è che in passato lei non ha avuto molte esperienze sessuali entusiasmanti, e quindi non sente di avere molto da raccontare. Abbiamo comunque una vita sessuale stupenda, ovviamente, e io non provo il minimo imbarazzo per queste fantasie, né per il fatto che i suoi ricordi ci arrapano. Ma sarei curioso di sapere perché mi eccitano tanto. So che non siamo gli unici ad avere certe fantasie, ma mi sembrano così opposte a tutto quello che secondo le aspettative eteronormative dovrebbe eccitarmi. Tu hai qualche idea?

– Fantasies Reliably Enhance Every Dalliance

“La domanda ‘perché sono fatto così?’ è un tunnel infinito”, dice il dottor David Ley, psicologo clinico, scrittore e studioso di sessualità. “Imbastiamo complesse storie che ci soddisfano, ma che sono una forma di masturbazione mentale – senza nulla togliere alla masturbazione – quando la verità è che, almeno allo stato attuale, non abbiamo un’idea chiara del perché le persone sviluppino le loro fantasie sessuali” (il dottor Ley è autore del libro definitivo sul cuckolding: Insatiable wives. Women who stray and the men who love them).

Tra le spiegazioni più diffuse del perché un uomo possa trovare eccitante l’idea di essere cornificato c’è stata quella della “competizione spermatica”. Un rapido riassunto: se un uomo sospetta che la sua partner abbia da poco fatto sesso con un altro maschio – e se il suo cervello si convince che dentro di lei ci sia lo sperma dell’altro – il suo successivo orgasmo con la partner sarà più potente e copioso, allo scopo di “sciacquare via” lo sperma del rivale. Diversi studiosi di sessualità hanno a lungo teorizzato che i maschi scambisti e cuckold provocassero reazioni di competizione spermatica in modo inconscio, ovvero che lo facessero per orgasmi più intensi.

“Purtroppo, però, oggi parecchia ricerca sulla competizione spermatica è in dubbio per l’impossibilità di convalidare molte di queste ipotesi”, spiega il dottor Ley. “Per cui adesso è un po’ come se ci limitassimo a dire: ‘Eh, è complicato, siamo tutti diversi e di risposte semplici non ce ne sono’”.

Stabilito tutto ciò, FREED, il dottor Ley, che ha lavorato con molte coppie cuckold, ha individuato dei modelli e vuole proporre alcune sue teorie alternative.

“Molti cuckold nutrono il desiderio di interazioni bisessuali con altri uomini, e usano il corpo della moglie un po’ come intermediario”, dice il dottor Ley. “Considerato che FREED è un maschio bisessuale in coppia eterosessuale, queste fantasie potrebbero essere un modo per esprimere la sua bisessualità includendo la moglie. Inoltre, l’appagamento erotico per interposta persona è spesso una componente centrale in molte fantasie di cuckolding. Non si tratta di semplice voyeurismo, e l’accenno di FREED al rammarico della moglie per il fatto di non avere abbastanza esperienze sessuali da condividere è un indizio in questo senso. Molti cuckold sono entusiasti della libertà sessuale del partner. Magari FREED si eccita all’idea che la moglie abbandoni i freni e condivida quel sovraccarico di energia sessuale con altri partner, passati, presenti e futuri”.

Infine, FREED, vorrei sottolineare una cosa che dicevi verso la fine della lettera. Mai sottovalutare il potenziale erotico del fare qualcosa di apparentemente antitetico alle aspettative eteronormative e/o sessonormative inculcate dalla cultura, dalla religione, dalla famiglia, eccetera. Se è vero che non tutti si eccitano al pensiero di trasgredire le norme, altrettanto vero è che una significativa percentuale lo fa. Ammesso che le nostre fantasie trasgressive possano realizzarsi con altri adulti consenzienti, dovremmo preoccuparci meno del “perché” e più del “quando”, “dove” e “come”. Subito, in privato e con precauzioni!

Seguite il dottor Ley su Twitter.

(Francesca Ghermandi)

Sono un trentacinquenne sposato, padre di due splendidi bambini piccoli. Sapevo di essere cuckold anche prima di conoscere mia moglie. Appena abbiamo cominciato a fare sul serio sono stato chiarissimo, avendo più volte sperimentato come il mio desiderio di cuckolding fosse quasi sempre sinonimo di catastrofe relazionale. Prima che ci sposassimo lei mi ha cornificato varie volte, e sembrava molto incline all’idea. Io ero al settimo cielo, finalmente mi sentivo accettato per quello che ero. Il giorno che siamo fuggiti a sposarci ricordo perfettamente di averle detto che per me non era solo una fantasia erotica, ma un pilastro della mia sessualità, e prima di impegnarmi per la vita avevo bisogno che lei lo accettasse. Una volta sposati, abbiamo fatto giochi del genere un paio di volte, ma l’interesse di mia moglie per la cosa è molto diminuito. Quando poi sono arrivati i figli – il primo quattro anni fa – l’interesse è svanito. Completamente. Per un po’ ho accettato la cosa perché avevamo dei figli piccoli. Quando poco tempo fa ho affrontato di nuovo l’argomento, lei ha espresso dubbi legittimi legati a questioni come le malattie veneree, le gravidanze indesiderate e il rischio di essere scoperti da amici e/o parenti. Ma io di questa cosa ho bisogno, come avevo chiarito prima di sposarci. Per me non è solo una fantasia. Amo mia moglie, e non voglio che si senta costretta a fare sesso con altri, ma soffro e sono frustrato. Non riesco a non pensare di essere stato ingannato. Che cosa faccio? Ringrazio per quello che ho? Le chiedo di andare da un consulente di coppia sessualmente progressista? Chiedo il divorzio? Sono smarrito, ferito, confuso e arrabbiato.

–Cuckold Has Understandable Regrets Now

Oltre a essere una cosa di cui hai bisogno, CHURN, il cuckolding è anche una cosa che chiedi a tua moglie di fare. E farla, per lei, comporta più rischi: quello di malattie veneree e gravidanze indesiderate, come ti ha fatto notare, ricade interamente su di lei. Se poi qualcuno dovesse scoprire (o sospettare) che va con altri uomini, anche l’onta e il potenziale ostracismo sociale ricadrebbero interamente su di lei. Anche nell’ipotesi che tu dicessi a tutti che è stato un atto consensuale e/o che ti piace il cuckolding, l’onta e l’ostracismo non verrebbero meno. E in presenza di parenti e amici bacchettoni, la stessa quantità di infamia verrebbe scaricata su di te.

Ti va reso atto, CHURN, di aver capito e accettato il fatto che i timori di tua moglie sono legittimi. E riconosco anche la legittimità delle tue frustrazioni: prima della vostra fuga d’amore, le avevi detto che per essere felice avevi bisogno di una cosa, e lei non solo lo ha accettato, ma lo ha fatto con (apparente) entusiasmo. Io stesso sarei portato a considerarlo un inganno, non fosse che avete dei figli. Anche le persone più avventurose – sul fronte sessuale come su altri – tendono a evitare maggiormente i rischi quando i figli sono piccoli, e immagino che al momento tua moglie sia un mix di rifiuto totale del rischio e assoluto sfinimento. Tra l’altro: tu fai la tua quota di lavori di casa e ti prendi cura dei figli, vero? Anziché minacciare il divorzio, che è una forma di pressione, ti inviterei a cercare un consulente di coppia sessualmente progressista che vi aiuti a parlare di come potrebbe essere la vostra vita sessuale una volta che i figli saranno un po’ più grandi.

Se è una cosa che può esprimere senza sentirsi costretta a farla domani, ho l’impressione che tua moglie, una volta cresciuti un po’ i bambini, potrebbe non escludere di ricominciare con il cuckolding. Dal momento che trovare donne interessate alla pratica, come tu ben sai, non è facile, sarebbe nel tuo interesse coltivare la lungimiranza e la pazienza. Nel frattempo, CHURN, fatti bastare il ricordo arrapante delle corna passate, e le arrapanti porcate che vi direte su quelle future.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il gioco di specchi di Angel Olsen
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.