04 marzo 2020 17:01

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono un gay di mezz’età e mi hanno da poco diagnosticato un problema di apnee notturne. Si tratta di un disturbo provocato dai tessuti molli della gola, che si allentano durante il sonno. Oltre a farmi sentire sempre stanco e in pessima forma, le apnee possono provocare una serie di problemi di salute. Ti scrivo perché mi piace il sesso orale violento. Amo farmi trattare la gola come il buco di una bambola gonfiabile. Il senso di soffocamento e i conati mi eccitano. Non volendo peggiorare il mio problema di apnee, dopo la diagnosi ho smesso di fare pompini. Ma farli come piace a me peggiora davvero la situazione? Su internet non ho trovato niente, e allo specialista del sonno non me la sono sentita di chiedere.

–Really Excited To Choke Harmlessly

“La maggior parte delle persone che soffrono di apnee notturne soffre di apnea ostruttiva del sonno, come credo sia il caso di RETCH”, dice la dottoressa Anna Grosz, otorinolaringoiatra di Portland. “Deriva da un rilassamento e dei muscoli della via respiratoria (la gola) che restringe il passaggio in cui scorre l’aria, provocando difficoltà di respirazione e ossigenazione” (l’otorinolaringoiatra è il medico specializzato nelle malattie e nei disturbi dell’orecchio, del naso e della gola.)

Quando ti addormenti, RETCH, i muscoli della tua gola si rilassano e tendono a chiudersi, limitando la tua capacità di respirazione. Il cervello – che non vuole morire – reagisce alla mancanza di ossigeno svegliandoti, cosa che ripristina la tensione nei muscoli, i quali tornano ad allargarsi consentendo di nuovo la respirazione.

“Per chi soffre di apnee da ostruzione del sonno, il soffocamento è una conseguenza dell’apnea, e non la causa”, chiarisce la dottoressa Grosz. “La contrazione dei muscoli riapre le vie respiratorie, ma la qualità del sonno peggiora perché si viene svegliati in continuazione”.

E adesso la buona notizia: la dottoressa Grosz non pensa che infilarsi un cazzo in gola possa aggravare il tuo problema di apnee del sonno, RETCH, e che anzi possa alleviarlo.

“Teoricamente”, dice la dottoressa, “un miglior tono muscolare della via respiratoria può aiutare a rafforzare i muscoli interessati”. Sia chiaro: non esistono prove che usare la gola come un masturbatore di gomma ne rafforzi i muscoli, ma nemmeno che farsi scopare la bocca li indebolisca (va da sé che di studi sul rapporto tra apnee del sonno e sesso orale violento non ne esistono molti, e siccome la nostra sanità è impegnata a tentare di proteggerci da un’epidemia globale e da quell’imbecille del nostro presidente, difficilmente ce ne saranno a breve).

“In definitiva, non credo che continuando a fare sesso orale il tuo lettore possa peggiorare le sue apnee”, conclude la dottoressa Grosz. “Per migliorare la situazione, può mantenere un peso corporeo sano, evitare il fumo e non abusare di alcol o sedativi”.

(Francesca Ghermandi)

Sono in difficoltà e mi serve un consiglio. Sono un feticista dei gessi – nel senso di gessi ortopedici – e mia moglie non è minimamente interessata. Intendiamoci: non voglio che si faccia male, e di certo non voglio fargliene io. Ma mi piace l’idea di lei con una gamba ingessata. Non è nemmeno una cosa strettamente sessuale. Mi basterebbe che indossasse il gesso per un paio d’ore mentre stiamo a casa a vederci un film. Otto anni fa, quando ci siamo conosciuti, mi rifiutavo di ammettere l’importanza di questo feticismo sia a me stesso sia a lei. Da allora mi sono reso conto che non posso farne a meno, e che se quando ci siamo conosciuti ne fossi stato più consapevole e gliel’avessi detto, oggi non staremmo insieme. Nel corso degli anni abbiamo brevemente valutato la possibilità di includerlo nel nostro rapporto, con un solo tentativo, fallito, qualche anno fa. Ormai mi sono reso conto che non succederà mai, a meno di non forzare la mano. Qualche giorno fa lei mi ha detto che si presterebbe, ma solo perché deve, per “salvare il matrimonio”. Cosa devo fare? È evidente che questo mio bisogno non sarà mai soddisfatto. Come faccio a non avercela con lei perché non è più disponibile? Come coppia siamo spacciati? Abbiamo un figlio di nove mesi.

–Churlish About Sudden Turn

Avete appena avuto un figlio – ovviamente – il che significa che non è il momento di fare stupidaggini o prendere decisioni avventate. E divorziare perché tua moglie non ha capito quant’era importante il tuo feticismo per te prima che tu stesso lo capissi sarebbe sia stupido sia avventato. Per cui fai un bel respiro, CAST, aiutala a occuparsi del bambino, e fatti una bella chiacchierata con tua moglie la prima volta che non la troverai completamente esausta, il che può voler dire aspettare dai tre ai sei mesi.

Se il pensiero di mettersi un gesso finto per guardare un film con te (ciò di cui dici di aver bisogno per essere felice) le fa schifo, la cosa emergerà dalla conversazione. Ma se tua moglie ha capito quant’è importante per te questa cosa, e quant’è minimo lo sforzo che le richiede, ti prego di fare un favore a te stesso, a lei e al bambino e di accettare il “sì” che hai sempre voluto senza rompere i coglioni.

Per finire, CAST, non cosa ti stia dicendo il tuo uccello in questo momento, ma se ti dice che in giro ci sono orde di feticiste dei gessi appassionate di freschi divorziati con gli alimenti da pagare, il tuo uccello mente. La tua prossima fidanzata, ammesso che la trovi, potrebbe sì indossare un gesso per te, ma lo farà per lo stesso motivo per cui è disposta a farlo tua moglie: soddisfare i tuoi desideri feticisti.

pubblicità

Sono un etero a cui piace l’esperienza della “mummificazione” erotica. Mia moglie trova noiosissimo avvolgermi da capo a piedi nella pellicola da cucina, perché ci vuole più di un’ora e non le dà piacere. Abbiamo allora deciso di investire in un sacco come quelli in cui dormono i neonati, cosa che sveltirebbe notevolmente il processo. Ho trovato su Etsy un artigiano della pelle che li confeziona su ordinazione. Durante un incontro in video per discutere delle misure, l’artigiano ha fatto una battuta sull’“uomo fortunato” che mi avrebbe chiuso nel sacco. Gli ho risposto che sono etero. Lui si è scusato, spiegandomi che, in base alla sua esperienza, a investire in questo tipo di oggetto sono soprattutto i gay. Ma mi ha comunque offeso che l’abbia pensato. Un parere?

–Got Extremely Affronted Recently

Primo parere: se i gay scoppiassero a piangere ogni volta che qualcuno li crede etero, GEAR, saremmo tutti ridotti in pozzanghere.

Secondo parere: a me che sono gay, a volte dà fastidio che la gente dia per scontato il contrario. Non che sia assurdo, visto che gli etero sono la maggioranza. E raramente lo si fa in malafede. Allo stesso modo, GEAR, visto che tutti gli uomini che avevano ordinato uno di quei sacchi all’artigiano di Etsy prima di te erano gay, non è così assurdo che lui lo desse per scontato. Ed è difficile vederci della malafede. Il fatto che tu ti sia offeso, invece, mi sembra sia assurdo sia in malafede; è assurdo che tu venga a piangere da un omosessuale per una cosa del genere, ed è in malafede il fatto che, pur essendo la tua reazione chiaramente basata sull’omofobia (ha pensato che fossi gay: embe’?), tu venga a piangere da un gay.

Ultimo parere. Se un etero che viene scambiato per gay può rettificare senza timori, un gay scambiato per etero deve prima valutare i rischi: e se l’interlocutore dà di matto o lo aggredisce? Dover fare questo genere di valutazioni per tutta la vita – a partire dall’infanzia, in famiglia – può avere un costo emotivo. Per cui anziché arrabbiarti o offenderti stupidamente, GEAR, ringrazia di poter dire “Sono etero” senza il timore di prenderti un pugno in faccia o essere cacciato di casa.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.