06 ottobre 2021 16:28

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono una donna cis. L’anno scorso ho avuto una quasi relazione con un uomo che è durata solo un paio di mesi. Il sesso era bellissimo, e tra noi c’è sempre stato molto sexting. Da quando ci siamo lasciati oscilliamo tra il rimanere in contatto e il silenzio radio, a volte passando anche mesi senza sentirci. Nei periodi di contatto, però, il sexting torna sempre. Ed è molto eccitante, almeno finché non subentra la frustrazione di non poter davvero fare sesso con lui (ora viviamo in due paesi diversi). Il mio problema è che, non fosse per il sexting (su cui lui spinge molto), non credo che con me parlerebbe d’altro. E ci sono altre ragioni per cui trovo che questa dinamica sia dannosa per la mia vita senza di lui. Per esempio gli piace molto il cuckolding. Vuole che gli racconti con chi esco, con chi faccio sesso, come mi scopano, eccetera. A me diverte stuzzicarlo e farlo ingelosire con i messaggi, specie se in quel momento sono in giro con altri uomini, ma alla fine ho sempre la sensazione di dividere le mie attenzioni tra lui e la persona con cui mi trovo, al punto che a volte con gli altri non riesco a venire per quanto sono distratta (da lui) e quanto mi sento scollegata (da loro).

– My Ex’s Sexy Sexts Are Getting Exhausting, Sorta

Se ti sembra che il tuo ex ti usi solo per il sexting e farti usare così non ti piace, MESSAGES, smetti di sextare col tuo ex. Magari vi risentirete una volta interrotto il sexting – potrebbe contattarti di tanto in tanto giusto per fare due chiacchiere – ma se anche non dovessi mai più risentirlo, potrebbe essere un bene. O meglio: se fatichi a dire no alle sue richieste di sexting e il sexting con lui ti frustra (perché non ci puoi scopare) e ti impedisce di essere presente a te stessa (e con quelli che ti scopi), dovresti forse bloccare il suo numero.

Ma se sextare con lui ti piace – dici di divertirti anche tu – e sei riesci ad azzerare le aspettative per non incorrere in delusioni (se riesci a smettere di aspettarti altro oltre al sexting), continua pure. Ma non farlo quando sei con altri. Esci con loro, goditi quei momenti, scopaci. E la prossima a volta che ti ritrovi a casa da sola e annoiata, MESSAGES, manda un messaggio all’ex dicendogli che sei in giro con un uomo. Così potrai goderti tutto il piacere di farlo ingelosire – è lui quello delle sue fantasie da cuckold – senza lasciarti distrarre quando esci con una persona in carne e ossa.

Francesca Ghermandi

Dopo anni e anni di vita sessuale appagante, ho cominciato ad aprirmi al lato perverso della mia sessualità, e non potrei essere più felice! Ma cerco una parola migliore di “perverso”. È precisa ma mi sembra abbia connotazioni negative. Ne cerco una che comunichi la stessa cosa, ma con una visione del sesso positiva. Qualche suggerimento?

– Positively Exploring Rhetorical Variety

A me è sempre piaciuto “perv”, il vezzeggiativo inglese di pervert, che considero nella stessa accezione positiva di “zoccola” (slut), termine ormai pienamente rivendicato da chi si definisce tale in modo allegro e provocatorio. E siccome, sempre in inglese, quasi tutte le parole che comunicano la stessa cosa di “perv” in un’unica sillaba orecchiabile e contundente – “deev” per deviant, “dej” per degenerate, “debbies” per debauchers/debauchees (deviato, degenerato, debosciato/depravate) – il qui presente perv ti consiglia di adottare “perv”, PERV, anziché provare a inventarti un termine nuovo.

***

Dici che uno dei modi per superare una cotta è masturbarcisi finché passa. Io mi avvicino ai due anni e mezzo. Ho subìto un’operazione nel 2019, e ancora adesso il mio chirurgo mi ossessiona. Credo sia il classico attaccamento da trauma, avendo io avuto complicazioni, subìto altri tre interventi e fatto una valanga di visite in studio. Razionalmente so che lui è arrogante, oltre che convinto di essere molto spiritoso, e che in generale non è il mio tipo. Anche se non lo vedo da un anno, ancora ci penso in continuazione. Mi aiuti?

– Can’t Understand This

Se masturbarti pensando al tuo arrogante, forse incompetente (altri tre interventi?!?) e poco spiritoso chirurgo non funziona… forse è ora di provare a masturbarsi pensando ad altro/altri? (o meglio ancora parlarne con un/a terapista?).

***

Qualche settimana fa hai detto a un settantaduenne sano e attivo che praticava la negazione dell’orgasmo che “diversi studi mettono in relazione un’alta frequenza di eiaculazione con una minor incidenza di cancro della prostata. Io di anni ne ho 78, sono sano, attivo e ho cominciato a masturbarmi all’età di dieci anni. Continuo tuttora, con la frequenza che il mio corpo mi permette, ovvero più o meno un giorno sì e uno no. Eppure mi hanno da poco diagnosticato un cancro alla prostata, e mi sono dovuto sottoporre a un intervento in cui mi hanno rimosso buona parte dei tessuti. Ora ho ripreso a masturbarmi, benché senza eiaculare. Ma un orgasmo asciutto è comunque meglio di nessun orgasmo__. Insomma gli studi possono dire una cosa, e la vita una completamente diversa.

–Totally Wrong About That

Mi dispiace molto per il tuo cancro alla prostata, TWAT, e mi fa piacere che tu riesca a goderti gli orgasmi che ancora riesci ad avere. Ma per per amor di esattezza devo dire una cosa: io non sostenevo che eiaculare con frequenza prevenisse il cancro alla prostata. Citavo studi da cui si evinceva una minor incidenza di cancro alla prostata negli uomini che si masturbano regolarmente. Minor incidenza non vuol dire nessuna incidenza. A te è andata male, TWAT, e di questo mi spiace. Ma non credo tu abbia passato tutti quegli anni a masturbarti solo per il bene della tua prostata, TWAT, e che quindi qualcosa, da tutti quegli orgasmi bagnati, tu l’abbia ottenuta. È la stessa che ottieni dagli orgasmi asciutti che ti godi adesso: il piacere.

***

Dopo aver letto la domanda di The System Called Reciprocity la lesbica in cerca di un uomo che le pulisse casa in cambio di seghe e pompini, ho dovuto scriverti. Non so dove viva lei, ma se è nel South Side di Chicago, io qualche lavoretto di casa glielo faccio! Sentiti libero di mettermi in contatto con chiunque ti scriva con richieste simili!

– Helping Out The Dykes And Making Nice

Non so dove viva TSCR, HOTDAMN, ma anche se lo sapessi non mi è permesso mettere in contatto lettrici e lettori (l’avvocato mi vieta il gioco delle coppie.) Ciò detto, HOTDAMN, non posso impedire in alcun modo a lettrici e lettori di contattarsi nei commenti.

***

A patto che ALPHA– l’etero a cui piace umiliare i gay robusti che trova su Grindr – sia chiaro con loro, e gli dica che è etero e che non ha alcuna intenzione di incontrarli dal vivo, allora quello che fa è accettabile, credo. Ma se non rivela tutti questi dettagli su di sé, Dan, allora finge di essere ciò che non è, e questo non va bene affatto! Gli etero che per ricevere attenzioni illudono i gay fanno ribrezzo. Abbiamo già abbastanza problemi anche senza che tu gli dia il permesso di tormentarci con i loro giochini!

– Too Pissed For Acronyms

Grindr e le altre app di incontri sono piene di gente che illude il prossimo – a volte in modo intenzionale (non gli interessa incontrare davvero), e a volte no (un incontro desiderato può saltare per circostanze impreviste e/o questioni private). Chiunque usi Grindr sa o capisce presto che non tutte le chat e gli scambi di foto portano a un rapporto sessuale. Come diceva lo scrittore e utente di Grindr Alxander Cheves nella rubrica che citi, “su Grindr si entra volontariamente, e bisogna farlo consapevoli che non sempre quelli con cui parliamo manterranno la promessa di incontrarci”.

Nel caso di ALPHA, io non credo che lui li illuda. Si prende un po’ gioco di loro, TPFA, ma solo di quelli a cui piace essere trattati così, e a patto che a farlo sia il loro tipo ideale. Voglio dire: per soddisfare la fantasia del manzetto etero irraggiungibile, chi meglio di un manzetto etero irraggiungibile?

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.