Sommario

717 (2/8 novembre 2007)

Bill Clinton.
First lady

Bill e Hillary Clinton vogliono tornare alla Casa Bianca. Ma chi farebbe il presidente? Le inchieste dell’Economist e del New York Magazine

717 (2/8 novembre 2007)

Viaggi

Pedalare agli antipodi

Nove giorni in bicicletta attraverso lo stato australiano del Queensland. Pioggia, sole a picco e paesaggi lunari. Ma ne vale la pena

Opinioni

Gated community

pubblicità

Opinioni

Le fonti avvelenate

Opinioni

150

Opinioni

Uomini e animali

pubblicità

Società

Turisti in grande

Dopo il successo di Dubai, in tutto il mondo si progettano sfavillanti stazioni turistiche destinate a chi ama spendere. La nuova inchiesta di Leo Hickman

Europa

Schiavi dei fantasmi del secolo scorso

Portfolio

Dettagli di un genocidio

Le foto di Nicolas Pascarel

Opinioni

Coke classic

Ritratto

Allen Embalo. Ritorno in trincea

Era un bambino soldato in Guinea Bissau. Poi è diventato un giornalista. Ma continua a rischiare la vita con le sue inchieste sul traffico di droga

pubblicità

Graphic journalism

Cartolina da Portopalo

Un fumetto di Alessio Spataro

Africa e Medio Oriente

Tunisia, i vent’anni del regime di Ben Ali

Americhe

La nuova costituzione di Hugo Chávez

Argentina

Presidente di un paese diviso

Cristina Kirchner ha vinto grazie al voto della borghesia, che spera di approfittare ancora della ripresa economica. Ma la nuova presidente argentina deve pensare anche ai più poveri

Idee

Il nome dell’odio

Il conflitto in Irlanda del Nord non è stato una guerra tra due eserciti, ma uno scontro tra due fanatismi religiosi

pubblicità

Opinioni

San Diego, Iraq

Guatemala

Prigionieri del caos

Nonostante la presenza delle Nazioni Unite, l’ondata di violenza scoppiata ad Haiti nel febbraio del 2004 non accenna a diminuire. Reportage alla vigilia delle elezioni di novembre

Opinioni

Elica

Etiopia

La voce delle nuvole

Povertà, malattie e un’incrollabile fede in Dio. Così si vive nelle baraccopoli di Addis Abeba. Il reportage di Harper’s Magazine

Memoria

Lo storico britannico John Foot ha cominciato sulle pagine di Internazionale un viaggio nella memoria divisa dell’Italia. Questa settimana la fermata è Monza. Estate del 1900, l’anarchico Gaetano Bresci spara tre colpi di pistola a Umberto I di Savoia e lo uccide. Un caso esemplare, spiega Foot. La storia di un paese incapace di accettare che un fatto possa essere ricordato in più modi, che di una storia possano esistere più versioni, che la ricerca della verità possa riservare sorprese inaspettate. Non stupisce, quindi, che la commissione affari costituzionali della camera abbia votato contro la creazione di una commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti del G8 di Genova del 2001. Non stupisce ma indigna. Perché era nel programma elettorale dell’Ulivo, perché è frutto del ricatto di due partitini e infine perché viene da un parlamento che non si lascia sfuggire nessuna occasione per perdere credibilità. Leggi

pubblicità

Opinioni

Piccoli inconvenienti

Opinioni

Quando l’anarchico uccise il re

Opinioni

La furia di Sarkozy

In copertina

Il ritorno dei Clinton

È in testa nei sondaggi. Ha una macchina elettorale fortissima. Un’ottima esperienza di governo. Un marito che tutti amano. Hillary Clinton sarà la prima donna alla presidenza degli Stati Uniti?

Blog

La parola ai numeri

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

In copertina

First lady Bill Clinton

Quale sarà il ruolo di Bill se sua moglie Hillary verrà eletta alla Casa Bianca? Si limiterà ad assisterla nell’ombra o cercherà di rubarle il palcoscenico?

Economia e lavoro

Putin in difficoltà per l’inflazione

Scienza e tecnologia

Le mappe di Google usate in guerra

Asia e Pacifico

Noiosi rituali della politica cinese

Opinioni

Londra non mi vuole

Alberghi sotto le bombe

Non sono mai stato in nessuno di questi alberghi durante una guerra. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.