Sommario

800 (19/25 giugno 2009)

Teheran

800 (19/25 giugno 2009)

Sudafrica

Il Sudafrica nel pallone

Nel 2010 Johannesburg ospiterà i primi Mondiali di calcio in Africa. Per celebrare lo sport che è stato il simbolo della lotta contro l’apartheid. Il reportage del País

Gheddafi non è Totò

La visita del colonnello a Roma sarà ricordata come una vera sceneggiata. Leggi

pubblicità

Una giornata al lager

Il vicesindaco di Bolzano ha detto che l’arrivo dei nazisti in città nel 1943 fu una liberazione. Leggi

Cultura

Cittadini europei o studenti all’estero?

Il progetto Erasmus compie vent’anni. Un’esperienza che ha cambiato la vita di molti ragazzi, ma che da sola forse non basta a costruire lo spirito di una nazione europea

Ottocento

“Cantami di questo tempo l’astio e il malcontento di chi è sottovento, e non vuol sentir l’odore di questo motor, che ci porta avanti quasi tutti quanti maschi, femmine e cantanti, su un tappeto di contanti, nel cielo blu. Figlia della mia famiglia sei la meraviglia, già matura e ancora pura come la verdura di papà”. Ottocento è una delle più belle canzoni di Fabrizio De André. L’ottocento è il “secolo lungo”, secondo Eric Hobsbawm. È il secolo del cinema, della fotografia, dei fumetti, della radio, del grammofono, del frigorifero, della statua della libertà, dei rasoi usa e getta, dell’aspirapolvere, della lampadina, di Marx e di Darwin, di Sherlock Holmes, di Pasteur, del movimento femminista, dell’abolizione della schiavitù, dell’aspirina, dell’impressionismo, della locomotiva. “Eine kleine pinzimonie… und die Alka-Seltzer für dimenticar”. Ottocento è un bel numero. Ottocento è un numero verde. Ottocento è il numero di Internazionale di questa settimana. Leggi

pubblicità

Ritratti

Ramazan Bashardost. Il candidato sotto la tenda

Deputato, ex ministro nel governo Karzai, vive in una tenda nel centro di Kabul per protestare contro la corruzione dei politici. Ed è sicuro di diventare il prossimo presidente afgano

Africa e Medio Oriente

Democrazia incerta nel futuro del Niger

Vacanze davanti alla tv

A luglio e agosto i palinsesti si riempiono di film, documentari e serie statunitensi. Leggi

Opinioni

L’inversione del Brasile

Economia

Il golpe di Wall street

L’alta finanza statunitense è come le élite al potere in alcuni paesi emergenti: dopo aver provocato la crisi, ne fa pagare i costi allo stato e usa la sua influenza per bloccare le riforme contrarie ai suoi interessi

pubblicità

Opinioni

Trent’anni in Italia

In copertina

Elettori in cerca di partecipazione

Gli iraniani hanno abbandonato il loro tradizionale cinismo e sono andati a votare in massa. Ora la loro protesta non può più essere ignorata

Nicaragua

Dinastia Chamorro

Molte cose sono cambiate in Nicaragua negli ultimi cinquant’anni. Ma la famiglia Chamorro resta la principale voce del dissenso democratico

Indonesia smemorata

Da Jakarta. Leggi

Economia

Il grande salvatore nell’ora della crisi

Lo stato corre in aiuto delle banche per restituire la fiducia ai cittadini. Ma nel mondo della finanza non fidarsi è meglio. Quello che conta sono le garanzie

pubblicità

Sudafrica

Il sogno eterno di Nelson Mandela

In Sudafrica le diseguaglianze legate al colore della pelle sono ancora profonde. Ma il paese ha tutti gli strumenti per creare una società giusta, aperta e democratica

Scienza

Pazienti meccanici

Tossiscono, sudano e possono avere un infarto. Gli studenti di medicina li usano per fare pratica. E se una terapia fallisce è come se morisse un paziente vero

Graphic journalism

Cartoline da Tel Aviv

Un fumetto di David Polonsky

Economia e lavoro

La Corea del Sud impara dalla storia

In copertina

Le tante facce del potere iraniano

Prima delle elezioni presidenziali Ahmadinejad si era dimostrato disposto a confrontarsi con i suoi avversari. Ma dopo il 12 giugno qualcosa è cambiato

pubblicità

Visti dagli altri

Topolino ruggente

Società. L’accordo tra Fiat e Chrysler potrebbe mettere in crisi l’identità sessuale dei maschi statunitensi. Il commento di Gary Kamiya della rivista online Salon

Europa

I neofascisti inglesi sbarcano a Strasburgo

Opinioni

L’ombra di Tiananmen

Berlin 89

Depeche Mode„ The Rakes, Boney M. Leggi

In copertina

L’onda verde di Teheran

Nella capitale iraniana non si vedevano manifestazioni così imponenti dal 1979. Il regime è in crisi e la società iraniana è divisa. L’affluenza alle urne è stata altissima. E dal 12 giugno l’Iran non è più lo stesso

Americhe

Gli indigeni del Perù chiedono più diritti

Opinioni

Uno strato sopra l’altro

Il carattere di una rivista

I libri hanno sempre preso la leggibilità più seriamente. Le riviste sono a metà strada. Leggi

Visti dagli altri

Un paese diventato più triste

Politica. In passato l’Italia difendeva la libertà di stampa e d’espressione. Un giornalista spagnolo ricorda con malinconia com’era il mondo politico prima di Berlusconi

Asia e Pacifico

Nuove battaglie salariali in Nepal

Visti dagli altri

La discarica umana della Libia

Immigrazione. Il patto tra Roma e Tripoli non protegge adeguatamente chi ha diritto allo status di rifugiato. L’opinione di un esperto di Human rights watch

Cambiare abitudini

Cosa c’è di speciale in questa nuova ondata di uccisioni. Leggi

Viaggi

La strada del lettore

A Calcutta c’è un intero quartiere che vive di libri. Intorno a College street sono nate migliaia di librerie, case editrici e tipografie

Scienza e tecnologia

Gli scherzi della memoria

Portfolio

Senza compromessi

Eugene Richards si è imposto come un punto di riferimento della fotografia documentaria negli Stati Uniti. Conciliando esperienza personale e impegno civile, scrive Christian Caujolle

Blog

Buone notizie per i giornali

26

Le barriere all’immigrazione sono slogan facili da sbandierare in campagna elettorale, ma molto difficili da applicare una volta al governo. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.