Sommario

882 (28 gennaio / 3 febbraio 2011)

Salviamo l’Europa

L’euro sempre più debole. La Grecia e l’Irlanda sull’orlo della bancarotta. L’economia ferma. Per uscirne c’è una sola strada, scrive il Nobel Paul Krugman.

882 (28 gennaio / 3 febbraio 2011)

Pop

Europeo con il trattino

Di Arnon Grunberg.

Europa

Il Cremlino è impotente contro i terroristi

pubblicità

Asia e Pacifico

Tra Pechino e Washington è l’ora del dialogo

Aria di raffreddore

L’aria calda e umida può contribuire a curare un raffreddore? Leggi

Indifferenza

“L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che si ribella all’intelligenza e la strozza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare, non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la spada potrà tagliare, lascia promulgare le leggi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere gli uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. La fatalità che sembra dominare la storia non è altro appunto che apparenza illusoria di questa indifferenza, di questo assenteismo. Dei fatti maturano nell’ombra, poche mani, non sorvegliate da nessun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa”. Antonio Gramsci, 11 febbraio 1917 Leggi

pubblicità

Tempi di scuola in Francia e Finlandia

Per un insegnamento fruttuoso bisognerebbe ridurre le ore scolastiche e privilegiare la cultura diffusa. Leggi

Società

L’illusione del controllo

Una dieta sana, una casa sicura, giochi intelligenti e una scuola all’avanguardia. I genitori moderni si fanno in quattro per programmare le vite dei figli. Ma spesso il risultato è una vita più stressante e più noiosa. Per tutti.

Economia e lavoro

Gli operai dello Zambia si ribellano alla Cina

La risposta, amico mio

Mike Marqusee, Wicked messenger Leggi

Pop

Assange a Gotham City

Di Slavoj Žižek.

pubblicità

Cacciucco country

1. Cold War Kids, Louder than ever

Succede che alcune band si affidano a produttori capaci e vendono un po’ di anima, si lasciano levigare per essere più aerodinamiche. Ai tempi di We used to vacation erano come diamanti grezzi, adesso sono baguette da gioielleria rock’n’roll. Ma nei momenti migliori di Mine is yours lasciano il segno. Nathan Willett è di quei cantanti che soffrono e sollevano sofferenze. Altrove soccombono all’eccesso di lubrificante radiofonico. “It’s a slippery slope”: quando si vuol salire per la linea di massima tendenza, capita di scivolare rapidi all’indietro.

2. The Decemberists, Don’t carry it all

A volte capita che si liberino dal giogo, che ritrovino la semplicità. Quella della band di Portland passa sempre per liriche da letterati, superospiti di provata fede nel country, un certo sussiego da saggio d’inizio anno: ma su The king is dead parcheggiano il cervello vicino al fienile e lasciano che sia la pancia a guidarli. Sono pur sempre un gruppo di intellettuali da campagna; ma quello che non possono fare in semplicità, lo buttano in disciplina: e sono grandi armonie vocali, violini e slideguitar ripuliti, e si apre un pomeriggio sereno che volge al bucolico.

3. Carneigra, Fumatori della sera

Suonano come un peschereccio che attracca al tramonto in cerca di osterie, questi tre Fumatori della sera. Sono mangiatori di cacciucchi, e intrecciano mandolini e conversazioni di lungo corso, l’eterna vena mediterranea e la voglia di guardare in fondo al bicchiere. Le loro ballate sono piccole comiche esistenziali, e sembra di vederli muoversi al ritmo di zumpa zumpa o di tzatziki per far finta di non essere affatto sentimentali. Ma questo lieve folk italico pescato a Livorno è condito di malinconia, corretta humour.

Internazionale, numero 882, 28 gennaio 2011 Leggi

74 miliardi di euro

È necessario sostenere il fondo creato per salvare i paesi dell’eurozona in difficoltà. Ma forse non basterà. Leggi

Visti dagli altri

La soap opera di Berlusconi

Lo scandalo Ruby è l’ultima puntata di uno show che dura da diciassette anni. In un contesto dove il confine tra realtà e apparenza è spesso confuso.

Americhe

Torna la violenza dei paramilitari colombiani

I Palestine papers non sono una novità

Queste notizie sui negoziati confermano solo quel che già sappiamo da vent’anni, e cioè che Israele non vuole la pace, ma imporre una resa ai palestinesi. Leggi

pubblicità

Attualità

Le verità dei palestinesi

I Palestine papers pubblicati da Al Jazeera e dal Guardian sono destinati a cambiare per sempre il processo di pace in Medio Oriente.

Cuba

La nuova rivoluzione cubana

Raúl Castro ha deciso di dare spazio alle imprese private. Un cambiamento che entusiasma alcuni e fa paura ad altri. Perché per la prima volta i cubani dovranno affrontare i rischi del libero mercato.

Graphic journalism

Cartoline da New York

Yvetta Fedorova

Sette miliardi di umani sul pianeta Terra

Siamo in troppi sulla Terra? Secondo alcuni studiosi di scienze ambientali il problema posto così è semplicistico. La vera questione è quante risorse consuma ciascun abitante del pianeta. Leggi

Ritratti

Azzam Alwash. Natura irachena

All’inizio degli anni novanta Saddam Hussein fece prosciugare le paludi del sud dell’Iraq come rappresaglia dopo una rivolta sciita. Oggi un ingegnere coraggioso si batte per ristabilire l’equilibrio naturale della regione.

pubblicità

Viaggi

Vacanze di lusso

Tutti i posti da vedere nel 2011 secondo il New York Times. Dal nuovo museo di Milano sul novecento, alle località sciistiche turche. Passando per le spiagge di Okinawa.

Opinioni

Crescere dopo l’apocalisse

La fiera virtuale

Nel mondo dell’arte o, più precisamente, nel mercato dell’arte, il 2011 si è aperto all’insegna della novità. Leggi

In copertina

Come salvare l’Europa

Le difficoltà finanziarie di Grecia, Portogallo e Irlanda dipendono in gran parte dall’euro. Ma rilanciare la moneta unica e le economie del vecchio continente è ancora possibile: serve il coraggio per recuperare il progetto di una vera federazione europea. L’analisi del premio Nobel Paul Krugman.

Egitto

I copti non sono degli infedeli

Dopo l’attentato di Alessandria, nella comunità copta si è diffusa la paura dell’islam radicale. Reportage da uno dei più antichi monasteri d’Egitto.

Portfolio

Sesso in vendita

Il Bangladesh è uno dei pochi stati musulmani in cui la prostituzione è legale. Il fotografo Luca Catalano Gonzaga ha visitato il bordello di Bani Shanta, sul delta del fiume Gange.

Africa e Medio Oriente

Gli oppositori di Ben Ali sono ancora in carcere

Musica

Il ribelle dell’afrobeat

Rinascono i sapori

Pochi mesi dopo l’annuncio di Raúl Castro di aumentare il numero di licenze per i lavori autonomi, i risultati sembrano promettenti. Leggi

Scienza e tecnologia

Dieci regole per sopravvivere alle email

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.