Barack Obama. (Martin Schoeller)

Visti da vicino

28 ottobre 2015 17:17

Per la prima volta, il museo di fotografia di Stoccolma Fotografiska ospita quattro progetti del ritrattista tedesco Martin Schoeller (1968).

Dopo gli studi in Germania, il fotografo comincia la sua carriera come assistente di Annie Leibovitz a New York, tra il 1993 e il 1996, periodo in cui sviluppa la tecnica della big head, ritratti che si avvicinano il più possibile ai soggetti. Dal 1996 lavora da freelance e collabora con riviste come Rolling Stone, GQ, Esquire e The New Yorker.

Le sue foto sono esposte nei maggiori musei e gallerie del mondo, e nel 2005 pubblica con teNeues il libro Close-up: portraits 1998-2005, che celebra i tratti distintivi del suo stile: “Uso il flash e le luci per mettere in risalto gli occhi e la bocca. Credo che questi due elementi mostrino al meglio l’unicità di ogni volto ma allo stesso tempo ci rendano tutti uguali. Mi piace riflettere su cosa rende speciale un’espressione specifica di un personaggio e cosa ha in comune con quella di un altro”.

La mostra Up close sarà aperta al pubblico fino al 7 febbraio 2016.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.