Blantyre, Malawi, 2015. Detenuti sul pavimento della loro cella nel carcere di Chichiri. Costruita nel diciannovesimo secolo, la prigione dovrebbe ospitare ottocento persone, mentre attualmente i detenuti sono quasi duemila, molti dei quali africani arrestati per essere entrati illegalmente nel paese. (Luca Sola)

In fuga verso sud

11 luglio 2017 16:32

Stimela è il titolo del progetto del fotografo Luca Sola dedicato alla documentazione delle migrazioni verso il sud del continente africano. L’obiettivo del lavoro è quello di raccontare e fare una mappatura del flusso di migliaia di migranti che si muovono dall’Africa centrale verso quella meridionale, in particolare per arrivare in Sudafrica. “Si tratta della rotta opposta a quella scelta dai migranti provenienti dal Medio Oriente e dall’Africa centrale e settentrionale che vogliono raggiungere l’Europa”.

Il progetto, cominciato nel 2015, vuole svilupparsi in sedici paesi. Sola finora ne ha raccontati sette, cambiando di volta in volta storie e soggetti: dalle prigioni del Malawi ai campi profughi in Tanzania, alle famiglie coinvolte negli scontri tra cristiani e musulmani in Repubblica Centrafricana.

Per concludere il suo lavoro, Sola ha avviato una raccolta fondi. Sarà inoltre al museo Maxxi di Roma il 13 luglio per raccontare il suo progetto.

pubblicità

Articolo successivo

Anglosassoni appassionati
Pier Andrea Canei